Tanto dolce quanto buono: le proprietà benefiche del miele

Fa bene al cuore, ai reni e al fegato, ha un effetto decongestionante: solo alcune delle proprietà benefiche del miele. Dal produttore al consumatore: gli apicoltori di Brescia

Fa bene alla gola, lenisce la tosse, ricarica l'organismo, è fonte di energia, molto nutriente, è pure buono: stiamo parlando del miele, il celebre alimento prodotto dalle api (a partire dal nettare dei fiori o dalla melata, le secrezioni di alcuni insetti) e fedele compagno di pasti, colazioni e merende anche di tantissimi italiani. Oggi andremo a scoprire tutte le sue proprietà benefiche.

La produzione del miele

Il miele viene prodotto naturalmente dalle api: ma non c'è bisogno di cercare albero e alveare alla Winnie The Pooh, l'antropizzazione della natura da secoli se non millenni permette di “allevare” le api alla produzione del miele. Gli insetti lo producono e lo immagazzinano nelle cellette dei favi, raggruppamento di celle esagonali a base di cera d'api costruito nel nido per contenere le larve della covata e per immagazzinare miele e polline. Non va dimenticato, infatti, che anche le api sono dei veri e propri insetti sociali.

Una volta che il dolcissimo miele è stato prodotto dalle api, viene poi estratto dall'apicoltore umano mediante centrifugazione, travasato in contenitori appositi e poi infine in vasetti di vetro, dove viene lasciato decantare quanto basta. Un procedimento semplice, e che anche per questo non intacca assolutamente le proprietà del prodotto.

Le proprietà del miele

Al gusto è buono, buonissimo: complice ovviamente il suo elevato tasso di zuccheri semplici, fruttosio e glucosio, che lo rendono dunque ottimo al palato, ma anche facilmente digeribile. Sono tanti i nutrizionisti che consigliano l'utilizzo quotidiano del miele in tavola, per le sue proprietà. Solo per citarne alcune: ha una funzione decongestionante, anche per calmare la tosse, protettiva e disintossicante per il fegato, un'azione cardiotropa per il cuore, un'azione protettiva e stimolante per l'apparato digerente, ha effetti diuretici, combatte l'anemia del sangue. Tutto questo perché al suo interno contiene vari enzimi e vitamine, minerali e sostanze dall'effetto antibiotico.

Tipologie di miele

Ne avrete visti tantissimi, sugli scaffali dei supermercati o nei negozi di alimentari, nelle cascine degli apicoltori e pure in qualche farmacia: il più diffuso (e anche il più economico) è il miele di millefiori, ottenuto dal nettare di diverse varietà di fiori. Ma è solo uno dei tanti: come detto ne esistono di tutti i tipi, il miele di tiglio, il miele di acacia, il miele di castagno, il miele di agrumi e così via. Consiglio per il consumo: può capitare, con certe tipologie di miele, che con il passare del tempo o quando fa freddo il miele possa cristallizzarsi. Ma basta riscaldarlo per pochi attimi a 45 gradi per farlo tornare allo stato liquido.

Apicoltori a Brescia

Pronti a una scorpacciata di miele? Se non vi basta quello del supermercato, o sugli scaffali del negozio di fiducia, perché non provare direttamente dal produttore al consumatore. A Brescia basta un clic su ApiBrescia.it, il portale degli apilcoltori bresciani: corsi, informazioni utili e notizie apistiche. Tra i produttori invece segnaliamo Apicoltura del Sampì in Via Sampì a Botticino (telefono 030 2693687), Apicoltura Vitali in Via Leonardo Da Vinci a Rezzato (telefono 030 2592669), Dolce Far Miele in Via Brescia a Travagliato (telefono 339 3070045).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento