Parte da Brescia la sperimentazione unica in Europa sulla filiera di latte e carne

Basta un clic, anzi nemmeno quello, per conoscere grazie a un QrCode tutta la storia dei prodotti di carne bovine e lattiero-caseari: al via la sperimentazione di Regione Lombardia

Al via la nuova sperimentazione di Regione Lombardia che prevede l'applicazione della tecnologia 'blockchain' per la tracciabilita' e i controlli, a tutela dei consumatori, sulle filiere delle carni bovine e dei prodotti lattiero-caseari. L'etichettatura dei prodotti permette di tracciare su un sistema decentralizzato e distribuito, la 'storia' dei controlli effettuati sulle filiere citate poche righe fa, dandone visibilita' immediata a tutela dei consumatori. Pertanto, consentira' ai cittadini lombardi di avere accesso a tutti i dettagli della filiera, compresi gli spostamenti di ogni singolo capo o lotto e i controlli sanitari previsti dalla normativa vigente per i prodotti di origine animale. La tecnologia svolgera' cosi' un ruolo fondamentale a tutela del Made in Italy e in particolare del 'Made in Lombardia' contro frodi e contraffazioni.

La sperimentazione

La sperimentazione e' guidata dalla Direzione generale Ricerca e Innovazione in collaborazione con la Direzione generale Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi e di quella Welfare di Regione Lombardia. Grazie alla collaborazione delle Ats della Montagna e della Val Padana sono state identificate e coinvolte attivamente due filiere: quella del latte fresco di montagna Alta Qualita' della Latteria Sociale Valtellina (con volume del latte trattato superiore a 33,2 milioni di litri all'anno e processo di raccolta e distribuzione completamente informatizzato) e quella della carne rossa del Consorzio Lombardo Produttori Carne Bovina (421 soci in piu' regioni per un totale di 491 allevamenti ed un patrimonio zootecnico di oltre 100mila bovini).

Come funziona la blockchain

Presso i punti vendita e le macellerie coinvolte nella sperimentazione i consumatori potranno esplorare l'intera storia del prodotto tracciata su blockchain, con particolare riferimento a tutti i controlli e alle verifiche che vengono effettuate da Regione Lombardia e dalle aziende socio-sanitarie territoriali a tutela della nostra salute e del benessere animale. Sara' sufficiente inquadrare il QrCode con il proprio smartphone e aprire l'applicazione web contenente le informazioni tramite il link che comparira' in automatico sullo schermo. In terra bresciana, per ora, l'unico punto vendita dove sarà possibile provare la web app è il centro Savoldi Carni di Via Trivelino a Lonato del Garda, dove tra l'altro si è svolta la conferenza ufficiale di presentazione.

Latte e carne, garanzia di qualità

“L'agricoltura lombarda è la più avanzata e innovativa d'Europa – spiega l'assessore regionale all'agricoltura Fabio Rolfi – e latte e carne sono alla base dell'alimentazione: fornire chiarezza assoluta al consumatore su tutta la filiera è garanzia di qualità. Siamo la prima regione agricola d'Italia anche grazie a iniziative come questa, che riescono a posizionare al meglio i nostri prodotti sul mercato. In agricoltura innovazione significa sostenibilità, sia sotto il profilo economico che quello ambientale. Per questo continueremo a investire in ricerca e nuove tecnologie”.

Una volta superata la fase sperimentale, si prevede di estendere la blockchain anche ad altre filiere del settore agroalimentare, e non solo. I cittadini potranno partecipare a una survey o direttamente nei punti vendita oppure nella sezione dedicata del sito web di Regione Lombardia. A pieno regime la tecnologia blockchain sarà consultabile per tutti i prodotti delle filiere coinvolte, sia nei negozi di vicinato che nella grande distribuzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento