rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità

"I primi rapporti sulla variante Omicron sono incoraggianti": la rivelazione che tutti attendevano

Barlume di speranza da Anthony Fauci su sintomi e malattia

La nuova variante sudafricana - meglio nota come Omicron - continua a destare preoccupazione e costringe i governi ad aumentare le restrizione per evitarne la diffusione. Negli Usa, ancora alla prese con la variante Delta, già un terzo degli stati è stato contagiato dalla Omicron, colpendo soprattutto la costa occidentale e le grandi pianure, oltre che alcuni focolai nel Nord-Est e al Sud.

Non sappiamo bene quanto possa essere pericolosa questa nuova variante Omicron, ha dichiarato Anthony Fauci alla CNN, aggiungendo che è ancora troppo presto per determinarne il livello di gravità. Secondo l'immunologo e consigliere medico del presidente americano Joe Biden, gli scienziati hanno bisogno di maggiori informazioni prima di trarre conclusioni sulla pericolosità di Omicron, anche perché "finora non sembra che ci sia un grande grado di severità". Fauci ha parlato di "segnali incoraggianti su sintomi e malattia" e di un "considerevole grado di protezione" con la dose booster (terza dose). Alcuni rapporti dal Sud Africa, infatti, suggeriscono che i tassi di ospedalizzazione non sono aumentati in modo allarmante, ma bisogna essere prudenti.

Contagi fuori controllo invece in Sud Africa, luogo di origine della nuova variante. Si contano più di 16000 contagi al giorno, quadruplicati in meno di una settimana. Tra le città più colpite ci sono Pretoria e Johannesburg. Secondo gli relazione di AHRI la Omicron si trasmette più facilmente, ma è raro (1% dei casi) reinfettarsi ed è meno mortale rispetto alle varianti precedenti.

Fonte: Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I primi rapporti sulla variante Omicron sono incoraggianti": la rivelazione che tutti attendevano

BresciaToday è in caricamento