menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

L'influenza è alle porte, ma non ci sono ancora i vaccini: "Si rischia il disastro"

Niente vaccini anche in provincia di Brescia: si attende un nuovo approvvigionamento dalla Regione. Arriverà?

La provincia di Brescia è di nuovo senza vaccino antinfluenzale: esaurite le dosi, si aspettano gli approvvigionamenti ma intanto il tempo stringe. Il calendario non perdona, siamo già a dicembre: tempo poche settimane – da gennaio in poi – e sarà atteso il picco dell'influenza stagionale, che affiancato alla terza ondata Covid potrebbe scatenare un disastro. Un altro disastro.

L'allarme bresciano – ma che sarebbe esteso a gran parte del territorio della Lombardia – arriva da medici, farmacisti, sindacati e associazioni di categoria: non ci sono più vaccini da distribuire alle farmacie, che a loro volto dovrebbero distribuirli ai medici di base e ai pediatri per la somministrazione (gratuita) alle persone più fragili, bambini, adulti con patologie e anziani.

Vaccini a pagamento fino a 70 euro

In molti si sarebbero dovuti rivolgere al privato, pagando dai 50 ai 70 euro: “Cinque volte in più il costo del servizio pubblico – fa sapere Gianni Girelli, consigliere regionale del Pd e presidente della Commissione d'inchiesta Covid-19 – conseguenza di questa disorganizzazione. In questo momento di emergenza la vaccinazione antinfluenzale è fondamentale, sia per la tutela della salute sia per semplificare la diagnosi tra pazienti affetti da Covid e da influenza stagionale”.

Niente vaccini dopo 12 bandi di gara

“La Regione però non ha rispettato i tempi – dice ancora Girelli – I vaccini sono introvabili per gli errori di approvvigionamento: sono state bandite altre due gare in extremis, ma la dodicesima è andata a vuoto il 27 novembre scorsa, mentre la tredicesima si chiuderà mercoledì 2 dicembre”. All'atto pratico, senza dosi di vaccino sono già state chiuse gran parte delle agende di prenotazione.

E anche a dicembre la situazione è a rischio. “Quello che sta succedendo – prosegue Girelli – lascia davvero sconcertati, ma ci mette anche in allarme. Oggi pare difficile immaginare cosa succederà con i vaccini anti-Covid che stanno per arrivare. Se la Regione non è riuscita a gestire nemmeno la profilassi antinfluenzale, pensiamo davvero sia pronta per una campagna più impegnativa?”.

Vaccino spray per i ragazzi fino a 10 anni

Nel frattempo, solo un paio di giorni fa, è arrivato il via libera del Ministero della Salute e dell'Aifa – Agenzia italiana del farmaco – per la somministrazione in formula unica di vaccino spray antinfluenzale. Si tratta di un vaccino Fluenz Tetra Spray, acquistato dalla Regione per i bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni: la copertura sarà estesa anche ai ragazzi fino ai 10 anni.

Attualmente la Regione ha disposizione oltre mezzo milione di dosi. “Per le dosi eventualmente eccedenti dopo questa prima estensione dell'offerta – fa sapere l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera – a partire dal 7 dicembre sarà possibile per Asst e pediatri di famiglia offrire il vaccino gratuitamente anche ai ragazzi fino ai 18 anni e fino all'esaurimento delle scorte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento