rotate-mobile
Attualità

Siccità, 50 Comuni bresciani in crisi: raffica di ordinanze per limitare i consumi

Si allunga la lista dei paesi della provincia che fanno i conti con l'emergenza idrica. Molti sono già corsi ai ripari, altri lo stanno facendo in queste ore.

L'estate è solo all'inizio, ma la crisi idrica è già a livelli allarmanti. Nella giornata di venerdì il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha decretato lo stato d'emergenza, invitando Comuni e cittadini a "utilizzare l'acqua in modo estremamente parsimonioso, sostenibile ed efficace, limitandone il consumo al minimo indispensabile". Il provvedimento resterà in vigore fino al 30 settembre.

50 Comuni in sofferenza

Nel Bresciano - stando a quanto fanno sapere gli enti gestori - sarebbero una cinquantina i Comuni già in allarme, che rischiano a breve di restare a secco. Un elenco destinato ad allungarsi, se nei prossimi giorni non arriveranno abbondanti precipitazioni. E sono diversi i sindaci che sono corsi ai ripari, emanando ordinanze per limitare il consumo di una risorsa vitale e ormai sempre più scarsa. Altri prenderanno provvedimenti nelle prossime ore. In città, per ora, non ci sono stati interventi dell'amministrazione, che discuterà la questione nei prossimi giorni.

I paesi in cui sono in vigore le restrizioni

Per Iseo, Montichiari e Bedizzole è invece questione di ore: i primi cittadini si stanno muovendo e hanno già annunciato provvedimenti. In Valle Camonica sono invece numerosi i paesi in cui sono in vigore - in alcuni casi da mesi - i provvedimenti per limitare i consumi. Restrizioni anti spreco sono attive ad Artogne, Breno, Cerveno, Capo di Ponte, Cividate Camuno, Darfo, Gianico, Losine e Niardo. Borno e Piancogno sono stati i primi a correre i ripari.

Nella Bassa le ordinanze restrittive sono in vigore a Calvisano e Orzinuovi, mentre i sindaci di Isorella, Gambara e Remedello stanno ancora valutando il dà farsi. Restrizioni anche in Valle Sabbia per i Comuni di Casto, Idro, Pertica Alta, Treviso Bresciano e Vallio Terme. Nella lista dei 23 paesi dove sono già stati limitati i consumi ci sono anche Gussago, Cologne, Borgosatollo e Soiano del Lago.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, 50 Comuni bresciani in crisi: raffica di ordinanze per limitare i consumi

BresciaToday è in caricamento