Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità

Sono gli ultimi giorni in zona rossa? La Lombardia spera nel passaggio in arancione

La zona arancione sembra avvicinarsi, ma negli ospedali bresciani l'allarme resta alto. Le parole del governatore Fontana

Si avvicina l’ormai classico venerdì, in cui saranno resi noti i dati del monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità sui casi da Covid-19. In Lombardia il rosso sembra stia lasciando il posto all’arancione: dopo quasi un mese di lockdown 'duro', ovvero dal15 marzo, la Lombardia potrebbe finalmente passare a minori restrizioni.

L'ultima ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza ha disposto le limitazioni da massima allerta per i capoluoghi lombardi fino al prossimo 11 aprile. Dal 12 aprile, invece, la situazione potrebbe cambiare e la Lombardia potrebbe entrare nella fase arancione.

Come spiegano i nostri colleghi di Milanotoday.it, i dati epidemiologici della regione sono attualmente in netto miglioramento: l'indice Rt è sceso sotto quota 1 - tanto che potrebbe essere considerata da zona gialla - indice che, però, fino al 30 aprile non esiste più per scelta del governo Draghi. Anche la soglia dei 250 contagi ogni 100mila abitanti, che farebbe scattare in automatico la zona rossa, è prossima a scendere verso il basso. L'unica difficoltà che può destare preoccupazione è ancora l’alto tasso di occupazione degli ospedali: i reparti ordinari e terapie intensive, che ieri erano -17, si stanno svuotando troppo lentamente.

Lombardia: lunedì in zona arancione?

Nonostante questo, dal presidente Attilio Fontana, a più riprese sono arrivate parole che profumano di ottimismo. Il giorno di Pasqua il governatore si era lasciato andare a una prima previsione: "Davanti a noi abbiamo giorni decisivi. Iniziare la campagna massiva con i vaccini finalmente in arrivo, far abbassare i dati ospedalieri e lasciare la zona rossa, spero per sempre, così da poter parlare - garantendo la salute - di aperture, normalità e lavoro. Sempre Forza Lombardia", aveva auspicato. 

Martedì, durante un webinar, la seconda "puntata". "I numeri della nostra regione stanno migliorando e, se continuerà così, spero che venerdì potremo chiedere di tornare arancioni. Non posso dare la certezza, ma da questo osservatorio la situazione dal punto di vista epidemiologico sta migliorando, sta rallentando, i numeri sono positivi", ha detto il numero uno del Pirellone. 

Fontana ha poi auspicato che, a partire da fine aprile, si possa "ricominciare con una serie di riaperture", passaggio fondamentale per tornare "alla normalità", in vista poi della svolta che, secondo il governatore, arriverà quando, verso la fine di giugno, "se arriveranno i vaccini", si potrà "vivere con più tranquillità la presenza del virus, che ci farà molta meno paura. Dalla fine di giugno si potrebbe riparlare di acquistare delle libertà", ha concluso. 

Zona arancione: cambiano le regole

Il passaggio in zona arancione indicherebbe l’apertura delle attività commerciali. Bar e ristoranti rimarrebbero ancora chiusi, ma continuerebbero a lavorare con asporto e consegne a domicilio. Per quanto riguarda le scuole, in arancione anche i ragazzi delle superiori tornerebbero in presenza, con lezioni dal 50 al 75%, mentre dagli asili alla prima media gli alunni saranno in aula già da oggi, 7 aprile, a prescindere dal colore della regione.

Oltre a ciò, i cittadini potranno circolare liberamente all’interno del proprio comune con la possibilità di poter far visita una volta al giorno ad amici e parenti, al contrario della zona rossa "classica", scattata martedì 6 aprile dopo le festività pasquali. Per sapere se la Lombardia potrà passare arancione, bisognerà attendere fino a venerdi 9 aprile quando Speranza firmerà l’ordinanza con i colori della regione. La Lombardia ci spera, sebbene la situazione negli ospedali – soprattutto nel Bresciano – è tutt'altro che rassicurante. Basti pensare che il nosocomio di Esine ha appena terminato i posti letto per i malati covid: i nuovi ricoverati sono stati portati a Pavia e a Bergamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sono gli ultimi giorni in zona rossa? La Lombardia spera nel passaggio in arancione

BresciaToday è in caricamento