Attualità Mompiano

Il parco Castelli visitato dai volontari di Scientology

Anche il Parco Castelli è stato visitato dai Ministri Volontari di Scientology. L'iniziativa, basata sul motto "Qualcosa si può fare a riguardo", si è concretizzata nella raccolta di rifiuti abbandonati nel parco.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

I volontari di Scientology promuovono ancora il senso civico. In questo week end 16 Ministri Volontari di Scientology si sono recati al parco Castelli, vicino allo stadio di Brescia sulla base del loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo". Indossando le loro classiche maglie gialle, hanno percorso il perimetro del parco, divisi in squadre e dotati delle solite armi: guanti, sacchi e pinze. Hanno così alcuni sacchi di cartacce, confezioni di plastica, mozziconi, bottiglie e indumenti vari. L'iniziativa vuole evidenziare come ogni cittadino potrebbe contribuire alla salvaguardia del parco, ed in generale dell'ambiente, semplicemente adottando piccoli "sforzi" che se diffusi porterebbero inevitabilmente a sensibili risultati.

Consapevoli che questo comportamento può essere assunto solo individualmente e nella piena libertà, i volontari di Scientology, si limitano a "fare qualcosa a riguardo" come piccolo contributo. I passanti si sono complimentati per l'iniziativa ed una mamma a consentito al suo piccolo bimbo di 3 anni di prendere parte alla iniziativa utilizzando la pinza messa a disposizione con simpatia da un giovane volontario. La mamma ha chiesto indicazioni sulla prossima iniziativa. Un altro gruppo di persone ha coinvolto i volontari nel recupero di un palloncino impigliato nei rami di un albero e recuperato grazie anche alla pinza messa a disposizione. Sabato prossimo 4 settembre alle 16.30, i volontari saranno al Parco Torri Gemelle in Via XXV Aprile. Chiunque lo desiderasse potrà unirsi liberamente al gruppo. Ministri Volontari della Chiesa di Scientology Che prestino servizio presso le proprie comunità o che si trovino all’altro capo del mondo, il motto dei Ministri Volontari di Scientology è “Qualcosa si può fare”.

Questo programma, creato a metà degli anni Settanta da L. Ron Hubbard e patrocinato dalla Church of Scientology International come servizio religioso sociale, oggi costituisce una delle più ampie e visibili forze di soccorso indipendenti a livello internazionale. Un Ministro Volontario è una persona che “aiuta il suo prossimo come opera di volontariato, ripristinando lo scopo, la verità e i valori spirituali nella vita degli altri”. Centinaia di migliaia di persone, al di là del loro credo, sono state addestrate, di persona oppure online, su un’ampia serie di tecniche basate sui fondamenti di Scientology per alleviare le sofferenze fisiche, mentali e spirituali e migliorare ogni aspetto della vita: comunicazione, studio, matrimonio, modo di allevare i figli, affrontare lo stress, avere successo nel lavoro, raggiungere le proprie mete e molto altro ancora. Inoltre, una rete globale di volontari forma la Squadra Permanente di Ministri Volontari per Intervento in Caso di Calamità, che si mobilita in caso di calamità causate dall’uomo o naturali, rispondendo all’appello ovunque sia necessario. Collaborando con circa 1.000 organizzazioni ed enti, tale squadra ha utilizzato le proprie abilità ed esperienza per fornire supporto fisico e aiuto spirituale in centinaia di luoghi colpiti da calamità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il parco Castelli visitato dai volontari di Scientology

BresciaToday è in caricamento