E’ tornata l’ora legale: cosa cambia e fino a quando durerà

Nella notte lancette avanti di un’ora: si perde un’ora di sonno ma si guadagna un’ora di luce. Ecco perché c’è l’ora legale (e a cosa serve)

Non tutti se ne sono accorti subito, complici questi giorni di eterna sospensione dovuti all’emergenza Coronavirus: ma nella notte tra sabato 28 e domenica 29 marzo è tornata l’ora legale, dunque lancette dell’orologio in avanti, un’ora di sonno in meno ma un’ora di luce in più. I nostri dispositivi più tecnologici hanno fatto tutto da soli, dallo smartphone alle smart tv: per chi non lo avesse ancora fatto, invece, è ora di cambiare l’ora degli orologi da polso, a lancette, quello dell’auto (se non è automatico) e così via.

Il perché dell’ora legale

Così come per l’ora solare, che quest’anno tornerà il 25 ottobre prossimo, anche la funzione dell’ora legale (in Italia ufficialmente introdotta nel 1966) è quella di guadagnare luce, in questo caso alla sera: un effetto pratico che si traduce nel risparmio dello 0,2% sul consumo nazionale di energia elettrica. Se però l’ora legale restasse in vigore tutto l’anno, avremmo però albe molto buie e meno ore di luce alla mattina. Da qui la necessità dell’ora solare, detta anche ora legale invernale.

Attenti al metabolismo

In molti manco se ne accorgono, altri invece faticano subito ad adattarsi al cambio dell’ora. Non è raro infatti che ci siano persone che possono metterci anche qualche giorno ad abituarsi all’orario in cambiamento: questo è dovuto al nostro orologio biologico, legato ai ritmi circadiani, che si trovano appunto in difficoltà quando avvengono cambiamenti di orario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un buon consiglio per permettere all’organismo di adattarsi è quello di posticipare leggermente e gradualmente, ad esempio di un quarto d’ora, gli orari dei pasti e il momento di andare a letto. Come detto l’ora legale resterà in vigore fino all’ultima domenica di ottobre, il 25, quando bisognerà spostare di nuovo le lancette (e si guadagnerà un’ora di sonno, ma si perderà un’ora di luce pomeridiana).  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento