"Diceva 'ci sarò per sempre', Stefania gli ha imposto di lasciarmi brutalmente"

Le intercettazioni di Chiara Alessandri confermerebbero in parte la premeditazione: ecco cosa diceva la donna all'amico Angelo Pezzotta

Chiara Alessandri

Un'altra conferma di quello che a quanto pare sarebbe stato un piano premeditato nei minimi dettagli arriva dalle intercettazioni ambientali: Chiara Alessandri, la 43enne di Gorlago arrestata con l'accusa di omicidio e distruzione di cadavere, avrebbe riferito parecchi particolari all'amico Angelo Pezzotta, il 53enne di Seriate coinvolto a sua insaputa nel “sequestro” di Stefania Crotti, la donna che poi incontrerà Alessandri nel suo garage. E verrà uccisa.

Le intercettazioni

Una canzone d'amore, un bigliettino romantico, una rosa rossa: sono questi gli elementi che avrebbero convinto Crotti ad accettare di salire a bordo di quel furgone, e per di più bendata. “Ho studiato la cosa che più potesse convincerla – questo quanto avrebbe detto Alessandri a Pezzotta, intercettata senza saperlo – perché quanado le incontravo e le chiedevo di poter fare due parole lei non mi rispondeva neanche”.

Alessandri dopo la delusione d'amore sperava comunque di poter mantenere dei buoni rapporti con Stefano Del Bello, il marito di Crotti con cui aveva avuto una breve relazione, la scorsa estate. Una storia di cui lei era parecchio convinta, tanto da aver chiesto a Del Bello di andare a convivere. Proposta poi rifiutata dall'uomo.

“Lui all'improvviso ha alzato un muro – diceva ancora Alessandri – e mi ha lasciato proprio in un brutto modo. A me diceva che ci sarebbe stato sempre, che saremmo sempre stati amici. Invece poi credo sia stata lei ad imporgli di dire basta”. La considerava una rivale, desiderava un chiarimento: ma quando se l'è trovata di fronte la situazione è degenerata in tragedia.

L'omicidio

Agli inquirenti l'indagata ha riferito di una colluttazione: sarebbe stata addirittura Crotti ad aggredirla per prima, con un martello, e lei si sarebbe solamente difesa, spintonandola contro il muro su cui Stefania avrebbe poi battuto la testa. Dall'autopsia sono emerse invece varie lesioni sul corpo della donna uccisa, tra qui quattro colpi al cranio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento