Attualità

"Napoletano coronavirus", non c'è limite al peggio per gli ultras bresciani

Curva Nord Brescia (fonte Facebook)

Lancio di bottiglie e cancellata divelta, sprangate contro i tifosi del Cagliari, assalto ai tifosi del Foggia con spranghe e manganelli: sono solo alcuni dei tanti episodi che, negli ultimi anni, hanno visto protagonisti gli ultras bresciani, che più volte si sono dimostrati una vera e propria vergogna per chi ama lo sport (e la nostra città).

Durante la partita di ieri al Rigamonti, persa 1-2 contro il Napoli, i tifosi (si fa per dire) biancoblù hanno scritto un'altra triste pagina della loro storia. Nel corso della ripresa, dalla Curva Nord si è levato il coro "Napoletano coronavirus", poi continuato per circa una decina di minuti. Poco dopo, verso le 23, il virus causava il primo morto italiano. Non c'è limite al peggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Napoletano coronavirus", non c'è limite al peggio per gli ultras bresciani

BresciaToday è in caricamento