Attualità

Omicidio Manuela, parla l'ex fidanzato: "Ero ancora innamorato di lei"

L'ex fidanzato Matteo Sandri attacca duramente l'omicida di Manuela Bailo: “Sapevamo che era stato lui”. Poi l'appello a dire tutta la verità

Manuela Bailo con Matteo Sandri

“Avevo provato in tutti i modi ad allontanarmi da lei, ma non ci sono mai riuscito. Ero ancora innamorato e se abbiamo continuato a vivere sotto lo stesso tetto - i due vivevano ancora insieme nonostante la loro storia fosse ufficialmente finita da un paio d'anni, ndr - perché forse anche lei provava ancora qualcosa. Io l'amavo”. Parola di Matteo Sandri, l'ex fidanzato di Manuela Bailo, la giovane di 35 anni che è stata uccisa dall'amante Fabrizio Pasini, ex sindacalista Cisl, sposato e padre di due figli. L'uomo è stato arrestato al ritorno dalle ferie in Sardegna con la famiglia: Manuela sarebbe stata uccisa il 28 luglio scorso, forse con una coltellata.

Sandri ha rilasciato una lunga intervista al Giornale di Brescia. In cui racconta tutto, nei dettagli: la sofferenza, la paura e l'angoscia, i sospetti che con il passare dei giorni si sono fatti certezza. “A un certo punto mi sono convinto che fosse tutta colpa sua – dice Sandri con riferimento a Pasini – Gli sms arrivati dal telefono di Manuela sono stati determinanti. Avevo capito che lo stile di scrittura non era il suo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Manuela, parla l'ex fidanzato: "Ero ancora innamorato di lei"

BresciaToday è in caricamento