Attualità

In memoria del piccolo Laurent, morto nel carrello di un supermercato

L'editoriale

Mercoledì mattina, a Parigi, nel carrello d'atterraggio di un aereo proveniente da Abidjan, in Costa D'Avorio, è stato trovato il cadavere di Laurent Barthélémy Ani Guibahi. Un ragazzino di 14 anni.
Le temperature scendono a -50 gradi tra i 9 e i 10mila metri di quota: il piccolo è morto congelato mentre cercava di raggiungere un sogno, così come muoiono annegati i disperati che cercano di attraversare il Mediterraneo: 1.277 nel solo 2019 (dato UNHCR al 23 dicembre). Per loro non c'era spazio su questa Terra: nelle profondità del cielo e del mare, c'è il cimitero di chi cerca una vita migliore.

Ma se il piccolo Laurent fosse stato un pacco di Amazon, sarebbe arrivato a destinazione tra le mani di un corriere, con la scritta "fragile" ben in mostra e protetto da un soffice pluriball, come tante bolle di sapone con cui forse non ha mai nemmeno giocato. Bastava il codice IBAN di una carta di credito e un semplice "invia" sulla schermata di un cellulare: saltellerebbe ancora felice nell'opulenta Europa.
Nell'economia capitalistica globale, la merce ha più diritti delle persone: basta pagare e può liberamente circolare, senza muri né barriere, senza il rischio di morire assiderata, o annegata. Laurent non è morto nel carrello d'atterraggio di un aereo, ma in quello di un supermercato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In memoria del piccolo Laurent, morto nel carrello di un supermercato

BresciaToday è in caricamento