Desenzano: la "Costituzione in Comune"

Un progetto di comunicazione sociale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

“La Costituzione in Comune”. È il nome di un progetto avviato dalla Casa editrice Publisher di Brescia e dal Centro Serigrafico di Castenedolo, che ha trovato una prima applicazione a Desenzano. Un pannello in plexiglass, che riporta serigrafato il testo integrale della nostra Costituzione, composto da 139 articoli e 18 disposizioni transitorie e finali, è stato appeso nella sala d'attesa dell'ufficio anagrafe del comune gardesano. Definita 'la più bella del mondo', la Costituzione, a quasi 75 anni dalla sua approvazione, è, purtroppo, poco conosciuta, soprattutto dalle giovani generazioni.

“La Costituzione - afferma Vittorio Bertoni, titolare di Publisher - non è una legge qualunque: è l'insieme delle regole che garantiscono al cittadino di vivere e crescere nella libertà, nella democrazia, nella giustizia e nella pace. È dunque qualcosa che ci riguarda da vicino, che dovremmo conoscere e in un certo senso interiorizzare. Considerando che anche la recente reintroduzione dell’Educazione civica nelle scuole, con particolare attenzione alla Costituzione, ne riconosce il ruolo fondamentale nel percorso di formazione e di crescita dei giovani, abbiamo pensato di realizzare un semplice, ma riteniamo efficace progetto di ‘comunicazione sociale’ che poggia sull'opportunità di avere in ogni edificio pubblico strumenti che favoriscano un approccio fisico al testo costituzionale rendendola fruibile ad un pubblico trasversale per età e provenienza e stimolando nel cittadino curiosità e attenzione per un successivo approfondimento”. Il pannello è stato donato dal Rotary Club Salò e Desenzano.

“Ci auguriamo - dichiara il presidente del club, Pietro Avanzi - che il nostro Comune sia di esempio per altre installazioni analoghe. Ci piacerebbe che questo stesso modello venga replicato anche nelle scuole e negli edifici pubblici. Faremo in modo che questa iniziativa abbia uno sviluppo”.

Torna su
BresciaToday è in caricamento