rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Brescia, parco dei Poeti: i volontari di Scientology per una responsabilità consapevole e condivisa

Una iniziativa dei Ministri Volontari di Scientology per portare un messaggio di comunità.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Sabato pomeriggio i Ministri Volontari di Scientology sono intervenuti al parco dei Poeti, nei pressi del Villaggio Badia. In base al loro motto "Qualcosa si può fare a riguardo" si sono occupati della raccolta di rifiuti abbandonati nel parco, con l'intento di sensibilizzare i cittadini per una assunzione necessariamente consapevole di responsabilità verso la comunità di cui si fa parte. Con la consueta dotazione di guanti, pinze e sacchi e con le magliette gialle che li contraddistinguono, i volontari hanno perlustrato il parco e le siepi lungo i numerosi percorsi raccogliendo 6 sacchi di rifiuti dispersi da qualcuno che, in un modo o nell'altro, hanno deciso di separarsi o distinguersi dalla comunità a cui comunque appartengono. I volontari, in questa occasione, hanno trovato e raccolto scarpe, bottiglie, plastica e mozziconi che rappresentano altrettanta volontà di distinguersi negativamente.

Questi ritrovamenti non dissimili dalle precedenti iniziative, affermano la necessità di un messaggio che possa raggiungere, tutti i cittadini, anche attraverso le famiglie. Le persone presenti nel parco si sono congratulate per l'iniziativa fermandosi con i volontari per un commento. Un'anziana signora ha chiesto informazioni riguardo alla iniziativa e ha condiviso la necessità di sensibilizzare la cittadinanza, appunto per quel necessario senso di responsabilità che deve essere suscitato. Un anziano ci ha espresso il suo apprezzamento e il disappunto verso chiunque abbandoni rifiuti, anche a pochi centimetri dagli appositi contenitori. Sabato prossimo 23 ottobre alle 15.30, i volontari saranno al Parco Ducos di Viale Piave. Come sempre, chiunque lo desiderasse potrà unirsi liberamente alla iniziativa. Ministri Volontari della Chiesa di Scientology Che prestino servizio presso le proprie comunità o che si trovino all’altro capo del mondo, il motto dei Ministri Volontari di Scientology è “Qualcosa si può fare”.

Questo programma, creato a metà degli anni Settanta da L. Ron Hubbard e patrocinato dalla Church of Scientology International come servizio religioso sociale, oggi costituisce una delle più ampie e visibili forze di soccorso indipendenti a livello internazionale. Un Ministro Volontario è una persona che “aiuta il suo prossimo come opera di volontariato, ripristinando lo scopo, la verità e i valori spirituali nella vita degli altri”. Centinaia di migliaia di persone, al di là del loro credo, sono state addestrate, di persona oppure online, su un’ampia serie di tecniche basate sui fondamenti di Scientology per alleviare le sofferenze fisiche, mentali e spirituali e migliorare ogni aspetto della vita: comunicazione, studio, matrimonio, modo di allevare i figli, affrontare lo stress, avere successo nel lavoro, raggiungere le proprie mete e molto altro ancora. Inoltre, una rete globale di volontari forma la Squadra Permanente di Ministri Volontari per Intervento in Caso di Calamità, che si mobilita in caso di calamità causate dall’uomo o naturali, rispondendo all’appello ovunque sia necessario. Collaborando con circa 1.000 organizzazioni ed enti, tale squadra ha utilizzato le proprie abilità ed esperienza per fornire supporto fisico e aiuto spirituale in centinaia di luoghi colpiti da calamità.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia, parco dei Poeti: i volontari di Scientology per una responsabilità consapevole e condivisa

BresciaToday è in caricamento