Rottura con Google: cosa succederà agli smartphone Huawei e Honor

Il sistema operativo 'made in Huawei', dopo lo stop di Android, sarà lanciato al più presto, forse già in autunno e comunque non oltre la primavera. Una novità (in realtà non proprio desiderata) che coinvolgerà anche migliaia di bresciani possessori del marchio cinese

La rottura con Google è avvenuta all'improvviso, e il gruppo cinese accelera. Washington ha messo Huawei nella lista delle compagnie con cui le società americane non possono fare affari. Ma le contromisure per i possessori di smartphone Huawei sono all'orizzonte.

Il sistema operativo 'made in Huawei', dopo lo stop di Android, sarà lanciato al più presto, forse già in autunno e comunque non oltre la primavera dell'anno prossimo. E' quanto ha detto Richard Yu, capo della divisione consumer business del gruppo con base a Shenzhen, che così conferma tutte le indiscrezioni che circolano sui media cinesi. La mossa, scrive il Global Times, "riflette la strategia di Huawei di diventare indipendente e trovare soluzioni alternative" alle forniture di componenti hi-tech dopo l'ultima stretta alla vendita decisa dagli Usa.
Voci dell'ultima ora parlano invece di un inizio di trattativa con Aptoide, uno store virtuale facilmente scaricabile che ha a disposizione 900mila app Android (tra cui Instagram, WhatsApp e Facebook), che permetterebbe di aggirare parte dell'ostacolo molto più velocemente.

La giapponese Panasonic intanto ha annunciato di aver interrotto i suoi accordi commerciali con Huawei per rispettare le restrizioni imposte dagli Stati Uniti. Lo scrive Bbc. "Panasonic ha annunciato in un memo interno che dovrebbe sospendere le transazioni con Huawei e 68 società collegate che sono state messe al bando dal governo Usa", si legge in una nota.

Huawei-Google: che cosa è successo

Qualche giorno fa Google ha sospeso tutte le attività portate avanti con il colosso cinese, ad eccezione di transazioni hardware e software coperte da licenze open source. Così sono andati in frantumi accordi milionari. Trump di fatto ha "vietato" alle aziende Usa gli scambi con compagnie straniere ritenute pericolose per la sicurezza nazionale.

Che cosa succede adesso agli smartphone Huawei

Google di fatto elimina da Huawei alcuni basilari aggiornamenti del sistema operativo Android. I nuovi smartphone Huawei perderanno anche l'accesso ai servizi più diffusi, tra cui Google Play Store e le app aggiornate Gmail e YouTube. Tuttavia, Huawei può ancora utilizzare la versione del sistema operativo Android disponibile attraverso una licenza open source (priva di un sacco di funzionalità e più complessa da "implementare").

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Huawei: "Aggiornamenti di sicurezza a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor"

"Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, ovvero quelli già venduti o ancora disponibili in tutto il mondo". "Huawei - si legge in una nota ufficiale della società - ha apportato un contributo sostanziale allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo. Essendo uno dei principali partner a livello globale di Android, abbiamo lavorato assiduamente sulla loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema di cui hanno beneficiato sia gli utenti che l'intero settore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

  • Lombardia, primo morto Covid dopo 5 giorni: un 81enne di Lumezzane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento