menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

"Mi vuoi sposare?", giovani fidanzati festeggiano nudi in pieno centro

Il curioso episodio domenica pomeriggio in pieno centro a Gargnano: la Polizia Locale ha denunciato due giovani fidanzati austriaci

Sono stati denunciati per atti osceni e rischiano fino a 10mila euro di multa i due giovani fidanzati austriaci che domenica pomeriggio si sono tuffati completamente nudi dal lungolago di Gargnano, in pieno centro e in mezzo a tante persone, di fronte a bar e locali, a mamme e bambini. Tempo di entrare in acqua ed era già stata avvisata la Polizia Locale.

L'intervento degli agenti poco dopo le 14.30: i due fidanzati, entrambi 29enni, si erano appena gettati in acqua dopo aver lasciato i loro vestiti su una panchina. Agli agenti hanno raccontato di voler festeggiare il coronamento del loro sogno d'amore: solo poco prima infatti il ragazzo le aveva chiesto di sposarla.

Complice il caldo sole d'estate, un carattere disinibito e la voglia di festeggiare il grande evento, i due non ci hanno pensato due volte e si sono spogliati, per gettarsi completamente nudi nelle acque del lago.

Quando erano già a mollo hanno proseguito nel tubare come piccioncini innamorati: niente di troppo osè, chiaro, ma il fatto che fossero nudi certo non ha migliorato la situazione (e la loro posizione agli occhi dei passanti, e soprattutto delle mamme con piccoli pargoli al seguito).

E' arrivata la Locale: i due sono stati accompagnati al comando, identificati e interrogati. Nonostante le loro buone intenzioni, adesso rischiano grosso: sono stati entrambi denunciati, e la multa per “atti contrari alla pubblica decenza” è davvero salatissima. Come detto, fino a 10mila euro. Insomma, più o meno quanto costerebbe il loro matrimonio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento