Coronavirus

Primo caso di variante indiana nel Bresciano: è uno studente di 19 anni

Un ragazzo di 19 anni è risultato positivo alla variante indiana del coronavirus: è il primo in provincia di Brescia

Foto d'archivio

Primo caso accertato di variante indiana in provincia di Brescia: lo ha rilevato il Laboratorio di Microbiologia e virologia del Civile diretto dal professor Arnaldo Caruso. Il positivo è un ragazzo di 19 anni, studente, che vive nella Bassa Bresciana: solo pochi giorni fa era stato sottoposto a tampone molecolare. Lo scrive il Giornale di Brescia.

Non c'entrerebbe nulla con l'aereo atterrato all'inizio del mese all'aeroporto di Orio al Serio, dove vennero individuati alcuni positivi a bordo e alcuni di questi positivi alla variante: tra i passeggeri anche una decina di bresciani, ma nessuno di loro è risultato positivo al Covid-19, quindi tantomeno alla variante indiana.

In tutta Italia, ad oggi, sarebbero una cinquantina le persone già infettate dalla variante indiana del Sars-Cov2. Ma non si può escludere una rapida diffusione, come già successo per la variante inglese: sequenziata per la prima volta in Gran Bretagna, è oggi predominante in Italia e in gran parte d'Europa e del mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo caso di variante indiana nel Bresciano: è uno studente di 19 anni

BresciaToday è in caricamento