menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccinazione di massa: individuati i primi hub tra città e provincia

Si avvicina la data del 24 febbraio, quando dovrebbe prendere il via la profilassi diffusa per 800mila bresciani

Poche strutture di medie-grandi dimensioni, appuntamenti serratissimi controllati col cronometro in mano e, se necessario, turni no-stop di 24 ore, con vaccinazioni anche notturne. Il piano straordinario che il consulente straordinario, Guido Bertolaso, sta predisponendo in collaborazione con l'assessore regionale al Welfare, Letizia Moratti, sarà - per dirla come Bertolaso - "La più grande operazione di Protezione civile che si sia mai vista in Italia". Affinché tutto funzioni, c'è bisogno però della stretta collaborazione con gli amministratori locali e le Ats, soprattutto per quanto riguarda la messa a disposizione delle strutture. 

In totale i bresciani che verranno vaccinati a partire dal 24 febbraio, data ufficiale dell'avvio della profilassi per gli ultra 80enni (con il vaccino pfizer), cui seguiranno forze dell'ordine, docenti, autisti e altre categorie che lavorano a contatto col pubblico, saranno circa 800mila. A fare un primo dettagliato elenco degli hub individuati sul territorio è, nel numero in edicola stamane, il dorso bresciano del Corriere della Sera

In città, vista l'indisponibilità fino a marzo della Fiera (dove sono in corso lavori di riqualificazione energetico e razionalizzazione degli spazi), la scelta è caduta sulla zona spettacoli vaganti, in via Morelli, dove attualmente si eseguono i tamponi, ma servirà con ogni probabilità un secondo spazio. Passando alla provincia, da ovest a est le strutture attualmente individuate sarebbero queste:
- Orzinuovi, palestra comunale;
- Chiari, centro sportivo comunale;
- Iseo, struttura comunale, 
- Travagliato, palazzetto dello sport;
- Manerbio, ex bocciodromo comunale;
- Sarezzo, Aula magna dell'Istituto Primo Levi; 
- Montichiari, Centro Fiera del Garda;
- Vestone (centro sociale) o Barghe (Comunità Montana);
- Gavardo, Palazzetto comunale;
- Lonato del Garda, Palazzetto dello sport;
- Desenzano del Garda, Poliambulatori Laudato sì e Garda salus.

In Valle Camonica, per ragioni logistiche, la somministrazione potrebbe essere effettuata nei centri prelievi di Darfo Boario Terme, Esine, Capo di Ponte, Pisogne ed Edolo.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento