Coronavirus: movida e assembramenti, il sindaco vieta musica e feste private

L'ordinanza firmata dal sindaco è in vigore a Torri del Benaco dal 19 agosto al 7 settembre: stop a concerti e musica dal vivo, niente feste in spiaggia e feste private

Foto d'archivio

Lago di Garda: il sindaco di Torri del Benaco Stefano Nicotra mette il freno alla movida e agli assembramenti con un'ordinanza contingibile e urgente (in vigore dal 19 agosto) finalizzata al contenimento della diffusione del coronavirus: un provvedimento necessario, si legge, “considerato l'evolversi dell'epidemia da Covid-19 e ravvisata la necessità di regolamentare lo svolgimento delle attività private nonché delle attività produttive”.

L'ordinanza sarà valida fino al 7 settembre compreso, e nel dettaglio prevede, la chiusura obbligata degli esercizi pubblici entro le 2 (prima erano le 4) con contestuale sgombero, entro lo stesso orario, dei plateatici. Oltre a questo, sono vietati “i concertini, la musica dal vivo e qualsiasi tipo di piccolo spettacolo per l'intrattenimento della clientela”: stop alla musica (juke-box, radio, televisori e altro) già dalle 21.

Multe fino a 3.000 euro per chi sgarra

Il provvedimento vieta poi “qualsiasi forma di assembramento, aggregazione, pic-nic, feste, installazioni di tende” dalle 21 alle 6 su tutte le spiagge del territorio comunale. Sono vietate anche le feste private, da mezzanotte alle 8, nei giardini, parchi, cortili o aree condominiali. Chi sgarra rischia multe salatissime, da 400 a 3.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul territorio di Torri del Benaco era già in vigore un'ordinanza che vietava il consumo di alcol in strada e comunque al di fuori di bar e attività autorizzate: è notizia di pochi giorni fa del sequestro di oltre 20 litri di alcolici a una comitiva di turisti di età compresa tra i 18 e i 20 anni, tutti provenienti dall'Alto Adige. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento