Coronavirus, arrivano i "super-tamponi": risultati pronti in pochi minuti

In Veneto al via la sperimentazione dei nuovi tamponi rapidi (in arrivo dalla Corea): risultati pronti in pochi minuti. Potranno essere utilizzati per lo screening e negli ospedali

La Regione Veneto ha avviato la sperimentazione di nuovi tamponi rapidi, con risultati pronti in tempi brevissimi (dai 5 ai 7 minuti): lo ha annunciato il presidente Luca Zaia nel consueto punto stampa pomeridiano. I nuovi tamponi, di provenienza coreana, sono già stati testati un migliaio di volte, con un solo errore (tra l'altro un falso positivo).

Il prelievo viene effettuato direttamente nelle narici: il tampone viene poi “movimentato” con uno specifico reagente che segnala in pochi minuti l'eventuale presenza del Covid-19. Ogni tampone costa circa 12 euro, spiega Zaia, e potrà essere utilizzato per attività di screening: “Ci stiamo muovendo per la sua validazione da parte dell'Istituto superiore di Sanità”, conclude il governatore.

Come funziona il nuovo tampone

“A differenza degli altri test rapidi – sottolinea il virologo Roberto Rigoli, direttore delle Microbiologie del Veneto – questo va alla ricerca diretta del virus. L'idea è di utilizzarlo come test di screening, e non per la diagnosi definitiva: per la conferma della positività serviranno comunque i rilievi microbiologici. Ma vista la velocità di analisi di questo test, ci consentirà di isolare immediatamente i probabili positivi: è l'inizio di un nuovo approccio diagnostico, che potrebbe essere molto utile per ospedali e pronto soccorso”.

Coronavirus: l'allerta resta alta

Al momento la fase è ancora sperimentale: “Ma abbiamo già chiesto al Ministero – continua Rigoli – di prendere in considerazione la possibilità di inserire questo tipo di test nel Piano di sanità pubblica”. Intanto la battaglia al Covid-19 continua: sono 6 i nuovi positivi in tutta la regione nelle ultime 24 ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Finché ci sono nuovi contagiati, vuol dire che il virus c'è – ha detto ancora Luca Zaia – e quindi dobbiamo continuare a stare attenti, è come avere un solo proiettile in una pistola con mille fori: è chiaro che quel proiettile può ancora colpire qualcuno. A tutti quelli che fanno finta di dimenticarselo, ricordo che con il coronavirus la gente non è morta nel sonno senza soffrire, ma soffocando, cercando l'aria e l'ossigeno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento