Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Telefono Azzurro: lo pubblicità shock sui bambini ignorati nella pandemia

“Siamo sicuri che si sia pensato abbastanza ai minori?”, si chiede il presidente di Telefono Azzurro, mentre una recente ricerca mostra le paure crescenti dei genitori sulle conseguenze che l’emergenza sanitaria avrà sui minori

 

Non dimentichiamoci, ancora una volta, dei bambini. È il messaggio del Telefono Azzurro in occasione del 31esimo anniversario dell’adozione della convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che nel pieno della pandemia in corso assume ancora più significato. L’organizzazione ha lanciato una campagna di sensibilizzazione con uno spot molto forte e che sta facendo discutere: un uomo si fa strada tra le macerie di un palazzo mentre è in corso un incendio e tutti fuggono, il quale una volta arrivato in una stanza dove ci sono due bambini, anziché salvarli porta via con sé solo il cagnolino che era con loro. “Sembra impossibile? Eppure sta accadendo oggi”.

Le conseguenze della pandemia sui più giovani e le paure dei genitori

Un spot duro, accompagnato anche dall’uscita di una ricerca che Doxa ha realizzato per Telefono Azzurro, dalla quale emerge che in Italia il 31% dei genitori ha paura che a causa del peggioramento della pandemia i figli non si sentano liberi di vivere serenamente, il 27% che possano contrarre il coronavirus (percentuale che cresce nei genitori di figli tra gli 0 e i 5 anni) e il 24% che possano presentare conseguenze sul piano psicologico.

Inoltre il 24% dei genitori con figli adolescenti è spaventato all’idea che questi possano perdere la fiducia verso le possibilità future e il 21% che possano risentire delle difficoltà economiche.

Telefono Azzurro cita anche un recente studio cinese circa i livelli di ansia e depressione su più di 3000 bambini e adolescenti (età 7-18), riscontrando un aumento di giovani clinicamente depressi rispetto al periodo precedente la comparsa del virus (22.28% durante la pandemia, rispetto alla stima generale di 13.2%). Anche i livelli d’ansia sono risultati maggiori rispetto a quelli di solito registrati.

"Siamo sicuri che si sia pensato abbastanza ai minori?"

#Primaibambini è lo slogan lanciato da Telefono Azzurro, per accompagnare la campagna di sensibilizzazione collegata al video. “Abbiamo scelto immagini forti perché riteniamo che non sia più possibile rimandare: le istituzioni devono riportare i minori al centro dei programmi per il Paese, adesso”, sono le parole di Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro. “L’emergenza sanitaria richiede a tutti sacrifici e rinunce doverose per arginare i contagi ma siamo sicuri che si sia pensato abbastanza ai minori? I giovani rappresentano il futuro dell’Italia e del mondo e come tali vanno tutelati e incentivati con maggior attenzione - ha aggiunto Caffo -  Con queste iniziative contiamo non solo di sensibilizzare più persone possibile sui diritti dei minori ma anche di porre il tema al centro dell’agenda mediatica, un passaggio indispensabile per portare la tutela dei bambini e degli adolescenti all’attenzione dell’opinione pubblica”.

Fonte: Today.it

Potrebbe Interessarti

Torna su
BresciaToday è in caricamento