Coronavirus, nuova ordinanza: tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero

Le indicazioni del Ministero e della Regione: tampone obbligatorio per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. In attesa del test, mascherina anche in casa

Foto da Today.it

La crescita lenta ma costante dei nuovi casi di coronavirus, e l'aumento in particolare dei cosiddetti “contagi di ritorno”, gente che va e viene dall'estero, ha spinto il Ministero della Salute a emettere una nuova ordinanza, che prevede il tampone obbligatorio per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. “Ho appena firmato la nuova ordinanza – spiega il ministro Roberto Speranza – che prevede test molecolare o antigenico, da effettuarsi con tampone, per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna”.

Il rischio dei cosiddetti “contagi di ritorno”

Si aggiunge inoltre la Colombia alla lista dei Paesi per cui è previsto divieto d'ingresso e di transito: “Dobbiamo continuare sulla linea della prudenza per difendere i risultati raggiunti negli ultimi mesi, con il sacrificio di tutti”, dice ancora il ministro. Anche in provincia di Brescia si sono registrati due piccoli focolai dovuti ai contagi di ritorno: un gruppo di una decina di ragazzi, rientrati dalla Croazia, e 7 contagi in tutto a Torbole Casaglia, in ambito familiare dopo il rientro di un parente da Londra.

Lombardia: tampone effettuato entro 48 ore

Sul tema, Regione Lombardia garantisce il tampone entro 48 ore per chi rientra o arriva in Italia dai Paesi nella “lista rossa”: l'ordinanza nazionale, ricordiamo, stabilisce l'obbligo dell'auto-segnalazione alle autorità sanitarie territoriale e la disposizione del tampone conseguente, a meno che non vi sia l'attestazione dell'esito negativo al test molecolare (sierologico) rilasciata nelle 72 ore precedenti l'arrivo in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In attesa del test, mascherina anche in casa

“Per i cittadini lombardi che rientrano da questi Paesi – spiega l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera – mettiamo a disposizione il supporto operativo e informativo necessario attraverso il numero unico 116117, che fornirà i riferimenti delle Ats di competenza per domicilio. Nel periodo precedente il test, e in attesa del suo esito, ferma restando l'indicazione di informare immediatamente il proprio medico in caso di insorgenza di sintomi sospetti, è fortemente consigliato ridurre la vita sociale, ed è indispensabile l'utilizzo della mascherina anche all'aperto e in presenza di conviventi nella propria abitazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento