rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Coronavirus Gavardo

“Io farmacista, 36 anni, combatto da un mese contro il Covid: per parlare devo usare l’ossigeno”

La testimonianza di Raffaela Greco, farmacista di Soprazocco di Gavardo. “La convalescenza è lunga, non si esaurisce con la polmonite o il ricovero. Faccio ancora fatica a riprendermi.”

Il respiro è ancora affannoso, nonostante le cannule che 'pompano' ossigeno nel suo naso. A soli 36 anni è stata colpita dal Coronavirus: lo ha preso lavorando, nella farmacia di Soprazocco di Gavardo che gestisce con il cugino Raffaele Stilo. Contagiata nonostante fosse munita di tutti i dispositivi: Guanti, occhiali e perfino due mascherine. “Una per proteggere me, una per proteggere i clienti” spiega Raffaella Greco in un lungo filmato pubblicato su Youtube per “lasciare una testimonianza, dire quello che sento, perché non voglio che succeda ad altri quello che è successo a me".

Da oltre 45 giorni fa i conti con il Covid-19, è ufficialmente guarita (doppio tampone negativo) ma la bombola d’ossigeno è sempre al suo fianco. “Faccio ancora fatica a riprendermi. Ancora oggi per parlare devo utilizzare l'ossigeno”, spiega. Ha deciso di proseguire l’isolamento, allungando il periodo di quarantena prescritto dalle autorità sanitarie per proteggere il suo bimbo di 4 anni e il marito.

“Mi sono ammalata pur adottando tutte le misure possibili - racconta Raffaella - e per questo vi dico di stare attenti. Colpisce anche i giovani, ma se la prende soprattutto con le persone fragili, anche dal punto di vista immunitario, ed è questa la cosa che tutti dobbiamo capire. Ognuno deve fare la sua parte: capisco il disagio di una vita stravolta anche nelle più piccole abitudini, ma dobbiamo accettare questa diversa normalità per salvaguardare i più deboli”.

Una convalescenza lunghissima, dopo il calvario: “Il percorso per guarire è faticoso, nonostante l'età. Per alcuni è solo un raffreddore, per altri significa notti intere a non dormire, con la paura di non riuscire più a respirare. La convalescenza è lunga, non si esaurisce con la polmonite o il ricovero.” 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Io farmacista, 36 anni, combatto da un mese contro il Covid: per parlare devo usare l’ossigeno”

BresciaToday è in caricamento