menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Galli: "Solo un nuovo focolaio fuori controllo può portare la seconda ondata"

Il parere di Massimo Galli, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano e professore all’Università Statale

Contagi in netta ripresa, casi in continuo e costante aumento e timori per l'andamento delle curve nei prossimi mesi. È l’inizio della tanto temuta seconda ondata di coronavirus? A provare a rispondere, con la chiarezza e franchezza che lo contraddistinguono, alla domanda più gettonata del momento è l’infettivologo Massimo Galli.

“Detesto parlare di 'seconda ondata', per scaramanzia, ma certo è che vediamo una ripresa. Come del resto è successo per la pandemia di influenza spagnola nel 1918-19. La seconda ondata - spiega Galli - arriverà se si ripresenterà un nuovo focolaio senza controllo. Ma un secondo lockdown è assolutamente da evitare per le implicazioni che avrebbe sulle possibilità di ripresa e sull’economia".

Così si è espresso, intervistato dal Corriere della Sera, il direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano e professore all’Università Statale. La sua attività in prima linea durante i terribili mesi dell’emergenza Covid gli è valsa una meritata nomination per l’Ambrogino d’oro, una benemerenza tributata del Comune di Milano.

Il bollettino di mercoledì riporta più di 3677 nuovi casi in tuto lo Stivale - 520 nella sola in Lombardia - con un deciso balzo dei ricoveri (+138 nelle ultime 24 ore). Numeri che parlano chiarissimo, e che Galli commenta così: "Le richieste di ricovero stanno leggermente aumentando, rispetto a dieci giorni fa, come numero e come gravità della malattia. Ma non siamo alla pressione del marzo scorso. L’estate è stata troppo vivace in tutta Europa e il contagio si è rianimato: i giovani contagiati hanno trasmesso il virus ai meno giovani".

L'impatto sui contagi direttamente riferibile alla riapertura delle scuole non c'è invece stato, ed è una buonissima notizia: “Al momento il numero delle infezioni è limitato, si riscontrano focolai nelle scuole superiori, ma riferibili alle attività dei ragazzi in attività extra-scolastiche. Occorre coinvolgere i giovani e renderli “protagonisti” di questa battaglia contro il Covid e consapevoli. Non deve essere in alcun modo favorito un atteggiamento trasgressivo. I giovani devono essere protagonisti di una cultura della responsabilità per uscire da questa palude. Lo abbiamo fatto con successo, negli anni passati, contro l’Hiv, il virus dell’Aids”, ha concluso l’esperto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento