Coronavirus

Strage di anziani nelle case di riposo: sono 9 le inchieste nel Bresciano

Prosegue la maxi-inchiesta lombarda sui decessi nelle case di riposo: 1.130 morti tra febbraio e marzo. A Brescia sono già nove i fascicoli d’indagine aperti

Foto d'archivio

Nessun indagato, per ora, e nemmeno nessuna casa di riposo specificatamente nel mirino degli inquirenti: ma sarebbero già nove i fascicoli aperti dalla Procura di Brescia nell’ambito della maxi-inchiesta sulle Rsa lombarde che coinvolge anche i tribunali di Milano, Bergamo e Sondrio. La Guardia di Finanza, dopo aver perquisito il Pio Albergo Trivulzio di Milano (con 143 morti in un mese), ha proseguito le perquisizioni anche al Pirellone, la sede di Regione Lombardia.

Perquisizioni e accertamenti sono in corso anche in provincia di Brescia, ma non è dato sapere dove e quando siano intervenuti in questo caso i carabinieri, con il supporto dei Nas (il Nucelo antisofisticazioni). Le ipotesi di reato solo le stesse in tutta la regione: epidemia colposa e omicidio colposo plurimo.

Le indagini in provincia di Brescia

Ma se in altre province ci sono già dei nomi e dei cognomi, nel Bresciano al momento come detto non ci sarebbero indagati, ma solo dei fascicoli d’indagine (e sono nove, non pochi). Gli inquirenti si stanno muovendo sulla traccia di quanto stanno già facendo i colleghi oltreconfine.

Non solo: a muovere le prime indagini bresciane anche i numerosi esposti e denunce pervenute in Procura, a firma di liberi cittadini, spesso parenti degli anziani deceduti in Rsa e case di riposo, oppure di associazioni di consumatori. In tutta la Lombardia solo tra febbraio e marzo sono morti 1.130 anziani nelle strutture di assistenza, pari al 61% del totale dei decessi di tutta Italia, nello stesso periodo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di anziani nelle case di riposo: sono 9 le inchieste nel Bresciano

BresciaToday è in caricamento