Coronavirus

Covid e variante inglese, allerta ricoveri: la situazione negli ospedali bresciani

Stabile la situazione al Civile, ricoveri in aumento invece al San Donato e in Poliambulanza: i dati aggiornati

In tutto il territorio lombardo, anche se lieve, una tendenza al rialzo era già stata anticipata dai numeri resi noti dalla Regione: dopo un calo costante di nuovi ricoveri dalla seconda metà di novembre, e un po' di “altalena” ai primi di gennaio, e dalla settimana del 31 gennaio che in Lombardia il saldo dei ricoverati Covid è sempre positivo. Ovvero: sono più i nuovi ingressi che le uscite e le dimissioni (decessi compresi, il che dovrebbe far riflettere).

Questi i dati: nella settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio 63 ricoverati totali in più; 45 in più nella settimana che va dal 7 al 13; 127 in più da domenica scorsa (con un boom di nuovi ricoveri nelle ultime 24 ore). Ad oggi sono 4.066 i pazienti Covid negli ospedali della Lombardia, ben lontani dal picco di novembre (più di 8mila) e da quello di marzo-aprile (quasi 11mila) ma in ogni caso un dato significativo (e da non sottovalutare).

La situazione negli ospedali bresciani

Ma nel Bresciano la situazione com'è? Sono i giorni in cui si discute dell'impennata di contagi e della zona rossa, intanto attivata da mercoledì a Castrezzato. Come riporta il Giornale di Brescia, al Civile si contano 250 pazienti Covid, di cui 24 in terapia intensiva: un dato in linea con quello delle ultime settimane.

Non è così negli ospedali del Gruppo San Donato: ad oggi sarebbero un centinaio i ricoverati di coronavirus al Città di Brescia e Sant'Anna (a Brescia) e al San Rocco (a Ome), una trentina in più solo in tre giorni (con 6 pazienti in terapia intensiva). Alla Poliambulanza, infine, sono 106 i pazienti Covid, il doppio rispetto a tre settimane fa. Che sia il temibile effetto della variante inglese? 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e variante inglese, allerta ricoveri: la situazione negli ospedali bresciani

BresciaToday è in caricamento