Nuovi letti per malati Covid a Brescia, corsa contro il tempo: ora sono 1.208

Sono quasi 250 in più i posti letto Covid attrezzati nelle ultime 24 ore in tutta la provincia di Brescia: raggiunta e superata quota 1.200, di cui un centinaio in terapia intensiva

Dicevamo di una corsa contro il tempo per allestire e attrezzare – come richiesto dalla Regione – altri 625 posti letto per pazienti Covid in tutta la provincia di Brescia, 4.500 in tutta la Lombardia. Obiettivo in parte raggiunto: gli ospedali bresciani ora sono pronti ad accogliere fino a 1.208 malati da coronavirus, quasi 250 in più in sole 24 ore. E l'adeguamento proseguirà anche per tutta la giornata di martedì.

Posti letto Covid negli ospedali bresciani

Questi i traguardi che le varie Asst (Aziende sociosanitarie territoriali) devono raggiungere, su indicazione regionale, come riporta il Giornale di Brescia: 450 posti letto disponibili (ma che potranno diventare 500) per gli Spedali Civili; poco più di 230 per l'Asst del Garda (che gestisce gli ospedali di Desenzano, Gavardo e Manerbio); circa 105 per l'Asst Franciacorta, tutti all'ospedale di Chiari; 154 alla Poliambulanza di Brescia; 218 nelle cliniche del Gruppo San Donato (Città di Brescia, Sant'Anna e San Rocco).

Ridistribuire per ridurre i carichi ospedalieri

Nel Bresciano sono dunque più di 1.200 i posti letto Covid disponibili, di cui oltre un centinaio in terapia intensiva. La riorganizzazione degli ospedali, come detto, coinvolge tutte le strutture della Lombardia: l'obiettivo è una ridistribuzione dei malati da coronavirus onde evitare pericolosi sovraccarichi. In certe zone, ricordiamo, come le province di Como e Varese, sono già stati rifiutati ricoveri di persone anziane, per Covid o altre patologie. Come succedeva anche a Brescia e Bergamo solo pochi mesi fa.

La Lombardia verso la Zona Arancione?

I bene informati, inoltre, fanno notare come la stessa riorganizzazione potrebbe tornare molto utile alla Regione per “abbassare” gli indicatori che, ad oggi, fanno di tutta una Lombardia una Zona Rossa (almeno fino ai primi di dicembre, al prossimo Dpcm). Ma l'indice Rt in calo e la stabilizzazione dei ricoverati – anche grazie alla ridistribuzione di questi giorni – potrebbero avvicinare il territorio lombardo alla Zona Arancione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

Torna su
BresciaToday è in caricamento