rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Coronavirus

Covid-19: in coma a Bergamo, si risveglia a Palermo. "Mi tatuerò la Sicilia sul petto"

Negli ospedali della Lombardia non c'era più posto per lui "Sono guarito grazie a voi". Sono le parole ricche di emozione quelle di Ernesto Consonni, un 61enne bergamasco trasferito un mese fa a Palermo. Ora potrà tornare a casa

La storia di Ernesto Consonni merita di essere raccontata non solo perché in tempi costellati di tanti lutti è una storia a lieto fine, ma anche perché ricuce l'immagine di un paese che troppo spesso esce dilaniato dalle fotografie scattate dai giornali. 

Ernesto è un magazziniere bergamasco in pensione. L'incubo inzia quando oltre un mese fa accusa un dolore lancinante al petto che gli spezza il respiro. Dopo il trasporto in ambulanza al pronto soccorso di Bergamo si spegne la luce. Il 61enne scopre di essere affetto dal coronavirus ed entra in coma. 

Sono i giorni più difficili per il sistema sanitario regionale e negli ospedali della Lombardia non si trovavano più posti letto in terapia intesiva. Parte così la chiamata al centro di coordinamento della protezione civile: ad Ernesto serve un posto letto per poter continuare la propria battaglia contro il coronavirus assistito da un ventilatore polmonare. All'appello risponde l'ospedale di Palermo. 

Ernesto viene così trasferito in Sicilia grazie ad un volo militare. Venti giorni dopo inizia un lento miglioramento e può uscire dal reparto di rianimazione. Ora - a 35 giorni dal ricovero - è pronto a tornare a casa. "Mi sono addormentato a Bergamo, la mia città, e mi sono svegliato a Palermo. Ma io mica ci credevo...”, sono le parole ricche di emozione. "Mi tatuerò la Sicilia sul petto - riporta La Repubblica - sono guarito grazie a voi".

Era dato per spacciato ma ora potrà riabbracciare tutta la sua famiglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19: in coma a Bergamo, si risveglia a Palermo. "Mi tatuerò la Sicilia sul petto"

BresciaToday è in caricamento