Coronavirus

Lombardia, ospedali 'solo Covid' già a febbraio? "Non abbiamo tempo per le tue stronzate"

Ancora prima della vera emergenza sanitaria il botta e risposta tra il dottor Angelo Giupponi e alcuni dirigenti della Regione: “Non abbiamo tempo per le tue stronzate”

Ospedale di Gavardo - Foto di Maurizio Poinelli

Nei fatti è trascorso più di un mese da quando la notizia venne pubblicata dal Wall Street Journal: passata inevitabilmente in sordina, nel pieno della pandemia da Coronavirus. Ma che è tornata prepotentemente d’attualità nei giorni in cui si discute delle varie inchieste sulla (presunta) cattiva gestione dell’emergenza sanitaria.

In pratica, il 18 marzo scorso il celebre quotidiano d’oltreoceano, in una più ampia inchiesta, riportava anche le parole del dottor Angelo Giupponi, medico chirurgo specialista in anestesia e responsabile dell’AAT 118 dell’Areu di Bergamo, l’Azienda regionale dell’emergenza-urgenza, che già allora avrebbe voluto allestire degli ospedali dedicati solo al Covid-19.

La richiesta del medico, la replica dalla Regione

Era il 22 febbraio, nei giorni dei primi casi accertati di Coronavirus in Italia, da Codogno in Lombardia a Vò Euganeo in Veneto. Come riporta il Wsj, quando anche a Bergamo venne rilevato il primo “clutch” di casi, il dottor Gipponi scrisse una mail alla Regione sottolineando di come fosse urgente “liberare alcuni ospedali e dedicarli esclusivamente ai casi di Coronavirus”.

La risposta non si fece attendere, ma non fu delle migliori: “Non abbiamo dormito per tre giorni – scrissero alcuni regional managers di cui non si conosce il nome – e non abbiamo voglia di leggere le tue stronzate”. Testuale, "bullshit": almeno così scrive il Wall Street Journal.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lombardia, ospedali 'solo Covid' già a febbraio? "Non abbiamo tempo per le tue stronzate"

BresciaToday è in caricamento