Covid: migliaia di mascherine fuori norma, nei guai 2 imprenditori bresciani

Risultano indagati i tre imprenditori (tra cui due bresciani) coinvolti nell’inchiesta Operazione Mask condotta dalla Polizia Postale: sequestrate più di 4mila mascherine non autorizzate

Foto d'archivio

Operazione Mask, denunciati tre imprenditori: sono amministratori di società con sede a Brescia e in provincia di Salerno, per la Polizia di Stato responsabili dei reati di frode nell’esercizio del commercio e falsità materiale commessa dal privato in certificati. Il blitz ha portato al sequestro di oltre 4mila mascherine di tipo FFP2 che presentavano una certificazione contraffatta. Le indagini sono in corso per ricostruire le esatte responsabilità degli indagati (e degli eventuali fornitori d’oltreoceano).

La segnalazione partita da Cagliari

L’operazione è stata condotta dalla Polizia Postale di Cagliari nell’ambito del contrasto alla contraffazione di Dpi da destinare all’emergenza Covid: l’indagine ha preso il via dalla segnalazione di una farmacia di Cagliari, che aveva da poco ricevuto una consegna di 1.800 mascherine FFP, acquistate da un agente di commercio titolare di una società con sede in provincia di Salerno.

Gli accertamenti della Postale hanno permesso di verificare che i Dpi erano stati fabbricati in Cina e importati in Italia da una società di Brescia, specializzata nel commercio all’ingrosso di prodotti medicali, e sia il certificato che la dichiarazione attestante alla normativa italiana erano falsi, e solo apparentemente emessi da una società della provincia di Mantova.

Certificazioni false arrivate dalla Cina?

A seguito di perquisizioni sono state rintracciate e sequestrate altre migliaia di mascherine, a Brescia e Cagliari, oltre alla documentazione cartacea e contabile che ha consentito di ricostruire l’iter commerciale e individuare le due aziende cinesi che a quanto pare potrebbero aver fornito all’azienda bresciana la falsa certificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre imprenditori, due bresciani e il terzo di Salerno, sono stati comunque indagati: le indagini sono ancora in corso per individuare i responsabili della falsificazione documentale. L’azienda bresciana che per prima ha distribuito le mascherine con certificazioni contraffatte sta già lavorando per rintracciare e ritirare dal mercato tutte gli altri dispositivi già venduti e distribuiti. In tutta Italia ne sarebbero stati venduti più di 38mila.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento