Covid, mano pesante contro gli aperitivi 'fuorilegge': multe fino a 3.000 euro

La circolare del capo della polizia, Franco Gabrielli

L'avvertimento del governatore Fontana era già arrivato: "Ci sono attività sulle quali non riusciamo ad avere una convinzione sufficiente: troppi 'apericena', troppi bar sommersi di persone e questo non va assolutamente bene. Se dovesse continuare, saremo costretti a chiuderli".

Il soccorso anti-movida indisciplinata arriva ora da governo e polizia. Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, e il capo della polizia, Franco Gabrielli, hanno deciso di iniziare a controllare bar e locali dalle 18 in poi, proprio dall'orario dell'aperitivo. L'obiettivo, quantomai esplicito, è di evitare assembramenti e gruppi di persone che stazionano in strada o ai tavolini a bere, magari troppo vicini tra loro. Così, poliziotti, carabinieri, finanziari e polizia locale - come già aveva chiesto l'assessore lombardo alla sicurezza, Riccardo De Corato - saranno chiamati a controllare tutte le aree più frequentate per verificare che siano rispettate le norme anti-contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il numero uno della Polizia ha inviato una circolare a tutti i questori d'Italia: "Alla luce del graduale riavvio delle attività economiche e di un progressivo riassetto della vita sociale - si legge - si richiama l'attenzione sulla necessità di orientare il massimo impegno verso l'attività di controllo del territorio per prevenire e contrastare ogni tentativo di ripresa dell'operatività delle organizzazioni criminali, nonché della criminalità diffusa". E quindi, ecco il passaggio, allo stesso tempo i questori dovranno assicurare "il rispetto del divieto di assembramenti e di aggregazioni di persone e l'osservanza delle misure del distanziamento sociale". Per i cittadini e baristi indisciplinati c'è poco da scherzare: le multe vanno da 400 euro fino a un massimo di 3.000. Per i titolari c'è inoltre in agguato la sospensione della licenza, come già avvenuto per un parrucchiere di Brescia, il cui salone era troppo affollato, persino con clienti senza la mascherina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento