Decessi in casa o senza tampone, allarme Ats: "I morti bresciani sono 700 in più"

A dirlo è Claudio Sileo, direttore generale dell’ATS di Brescia

I morti bresciani da Coronavirus non sarebbero 1.114, come stabilito dagli ultimi conteggi ufficiali, ma circa 700 di più, tra persone decedute in casa e altre non conteggiate per mancanza di evidenza diretta del Covid-19. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dirlo è Claudio Sileo, direttore generale dell’ATS di Brescia, in un'intervista andata in onda su Teletutto. Secondo Sileo, infatti, alla media giornaliera di circa 60 morti registrata nelle ultime due settimane, sarebbero da aggiungere dai 30 ai 50 decessi, riguardanti malati non sottoposti a tampone ma "quasi certamente riconducibili all’epidemia in corso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento