Coronavirus: "Siamo tutti italiani", a Brescia 10 medici e 20 infermieri dall'Albania

Il primo ministro Edi Rama con medici e infermieri prima della partenza per l'Italia

"Non siamo ricchi, ma nemmeno privi di memoria: non dimentichiamo chi ci ha aiutato, l'Italia vincerà questa guerra anche per noi e per il mondo intero": accompagnati in aeroporto dal primo ministro Edi Rama, oggi sono partiti per Brescia 10 medici e 20 infermieri albanesi. Grazie all'impegno di Bertolaso, consulente del presidente Fontana, il governo schipetaro ha infatti aderito alla richiesta di aiuto della Lombardia. 

A questo personale medico di rinforzo per la pandemia di Coronavirus, lunedì si aggiungeranno 15 medici specialisti provenienti dalla Polonia frutto di una intensa relazione tra consolato e Regione Lombardia: "Andranno ad aggiungersi ai 17 medici specializzandi e ai 50 infermieri selezionati dal bando di regione - ha dichiarato l'assessore al Bilancio della Regione Lombardia, Davide Caparini -. Siamo in attesa di sapere quanti e che specializzazione avranno quelli promessi dalla protezione civile".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus: "Siamo tutti italiani", a Brescia 10 medici e 20 infermieri dall'Albania

BresciaToday è in caricamento