rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Coronavirus

Hanno venduto milioni di mascherine fuori norma, nei guai 3 imprenditori

L'inchiesta della Procura di Perugia. Le mascherine sono finite negli ospedali e in centinaia di Comuni italiani

Ancora uno scandalo riguardante le mascherine anti-contagio, importate dall'estero con falsi certificati e finite chissà dove in tutta Italia. Gli accertamenti svolti dal Nas di Perugia hanno portato alla luce un ingente commercio di mascherine chirurgiche (classificate come dispositivi medici) e mascherine protettive (classificate come dispositivi di protezione individuali) corredate da certificati di conformità risultati falsi.

Tre i titolari di altrettante società denunciati alla Procura di Perugia per frode in commercio, frode in pubblica fornitura e uso di atto falso, che avevano dato vita ad un giro di affari del valore di oltre 4,1 milioni di euro. Uno dei tre denunciati, da solo aveva commercializzato a privati ed enti pubblici (ospedali, Asl, Comuni, case circondariali) circa 1 milione e 500 mila mascherine chirurgiche importate dalla Tunisia e dalla Cina con falsi certificati di conformità.         

Al momento soltanto 300 mascherine sono state rintracciate e sottoposte a sequestro penale. Sono in corso ulteriori accertamenti presso le strutture pubbliche destinatarie delle mascherine irregolari.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hanno venduto milioni di mascherine fuori norma, nei guai 3 imprenditori

BresciaToday è in caricamento