menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona rossa in Lombardia: tutte le restrizioni in vigore da venerdì

Dopo ore particolarmente frenetiche il governo ha deciso le definizioni dei territori ad alto rischio che andranno incontro ad un lockdown, così come le zone a rischio elevato che vedranno una limitazione della mobilità

È in corso la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che chiarisce i contenuti del Dpcm pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale e in vigore da venerdì 6 novembre. 

Zone in area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Friuli Venezia Giulia, province autonome di Trento e Bolzano: in queste zone sarà vietato circolare dalle 22:00 alle 5:00 del mattino. 

Zone in area arancione: Puglia e Sicilia.Spostamenti vietati in entrata e uscita e anche da un comune all'altro. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7.

Zone in area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta. Vietato ogni spostamento in qualsiasi orario.

Tutte le regole per la zona rossa 

  • Divieto di ingresso - "È vietato ogni spostamento, anche all'interno del proprio comune, in qualsiasi orario, salvo che per gli spostamenti motivati". Si potrà entrare e uscire e muoversi solo per "comprovate esigenze", e dunque per motivi di lavoro, di salute e di urgenza sempre giustificati con il modulo dell’autocertificazione. È sempre "consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza".
  • Esercizi commerciali - Sono chiusi i negozi ad eccezione di alimentari, edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. Restano aperti parrucchieri, barbieri e lavanderie ma non i centri estetici.
  • Scuola - Ad eccezione "della scuola dell’infanzia, primaria e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado, le attività scolastiche e didattiche si svolgono esclusivamente con modalità a distanza". Rimane "la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia richiesto l’uso di laboratori".
  • Sport - Sono sospese le  competizioni sportive, salvo quelle di interesse nazionali riconosciute dal Coni, e le attività sportive anche nei centri all’aperto. È "consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione nel rispetto della distanza di almeno un metro e attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento