menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

Già questa settimana alcuni territori potrebbero essere "liberati" dalle restrizioni maggiori. Tra questi anche la Lombardia

La certezza ancora non c’è, ma il regime di restrizioni imposte alla nostra regione potrebbe presto allentarsi. Tutto dipende ovviamente dai numeri e dalle curve del contagio: se nei prossimi giorni comincerà davvero la discesa, la Lombardia potrebbe non essere più considerata zona rossa ad altissimo rischio contagio. E il passaggio potrebbe già avvenire a partire dal 3 dicembre se non addirittura alla fine di questa settimana. Stessa sorte per Piemonte, Valle d'Aosta, Calabria e per la provincia di Bolzano. Il primo dicembre, se verrano confermati i dati dell'ultimo monitoraggio, potrebbero invece essere 'liberate' anche Liguria e Umbria. Il 4 potrebbe toccare alla Campania e all'Emilia-Romagna, mentre sulla Toscana i numeri non sono ancora così positivi da permettere un allentamento delle misure in vigore.

Tutte le regioni in zona gialla

Se i dati saranno davvero positivi entro dicembre tutte le regioni potrebbero addirittura passare in zona gialla, per intenderci quella con meno limitazioni. Un’ipotesi a cui lavora il Governo, anche se, avverte il ministro della Salute Roberto Speranza, l'allentamento richiesto dai presidenti di Regione ci sarà solo se "i dati dei prossimi giorni lo consentiranno. È comprensibile che un territorio voglia uscire dalla zona rossa, ma scegliamo con prudenza i prossimi passaggi. Gli spostamenti potranno avvenire solo se tutte le regioni andassero in zona gialla, ma in questo momento dobbiamo evitare quelli non necessari".

Non sarà certo un via libera per tutti e nemmeno un abbandono della divisione dello Stivale in aree di rischio: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è infatti convinto che il sistema delle zone stia dando i suoi risultati nel contenimento dell'epidemia e per questo, scrive oggi Repubblica, il governo, ha immaginato una road map. Tutte le regioni diventerebbero gialle, ma con una serie di misure più restrittive. Salvo alcune province dove invece si potrebbero varare misure ad hoc più rigide come quelle attualmente previste per le zone rosse o arancioni.  E in effetti, dati alla mano, sono le province medio-piccole, più che le grandi città, ad avere i focolai più importanti. Rapportando il numero di contagi agli abitanti, le situazioni più critiche in Lombardia si registrano a Varese (136 casi ogni  centomila abitanti), Como (111), Monza e Brianza (99), mentre nella città metropolitana di Milano vengono calcolati 85 casi per centomila abitanti.

Non tutti i divieti scompariranno

Non cambierà molto: "Il governo è pienamente consapevole che affrontare le  festività natalizie senza alcune cautele aggiuntive sarebbe da irresponsabili – dicono da Chigi secondo quanto riporta Repubblica – Le occasioni di socialità e i momenti di convivialità sono particolarmente intensi durante il periodo natalizio e sino alla Befana: se una Regione fosse lasciata ad affrontare questo periodo con il regime di misure proprio di una zona gialla o arancione, il contagio farebbe un balzo in avanti con il rischio che la curva a gennaio vada nuovamente fuori controllo".

L’obiettivo è quello di "favorire i consumi", dunque "non verrà negato lo scambio dei doni", e verranno favoriti con il piano cashback gli acquisti elettronici nei negozi di prossimità, visto che saranno esclusi dai benefici gli acquisti online. Ma verranno in ogni caso negati i trasferimenti tra regioni anche in zona gialla: per questo sarà necessario emanare nuove regole nel Dpcm in arrivo. E saranno anche negate le occasioni di socialità allargata, come tombolate, festeggiamenti, cenoni e veglioni.

Fonte: Today.it

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento