rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Coronavirus

La Lombardia resta in zona gialla, Fontana: "Terapie intensive sotto la soglia d'allarme"

L'annuncio del governatore Fontana

"La Lombardia resta in zona gialla anche la prossima settimana". Lo ha annunciato il presidente della Regione, Attilio Fontana, nella prima mattinata di venerdì, perchè "uno dei tre parametri previsti per il passaggio di zona è ancora sotto la soglia di allarme."

L'unico parametro che 'salva' la nostra regione è quello relativo alle terapie intensive. Stando al bollettino del 13 gennaio sono 257 i pazienti Covid in gravi condizioni, il passaggio in arancione scatta con 306. I ricoveri in area medica sono invece ben superiori alla soglia di 3.137: sono infatti 3.709.  

"Stiamo assistendo da giorni a una riduzione del numero dei contagiati e questo ci fa ben sperare - si legge nella nota diffusa dal Pirellone -  La variante Omicron è nuova e ancora in fase di studio, vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi giorni".

Il governatore è poi intervenuto sulla proposta della Lombardia - avanzata al comitato tecnico scientifico - di distinguere nel conteggio dei ricoveri tra chi entra in ospedale per una patologia che dipende dal Covid e chi invece viene ricoverato per un’altra malattia e in seguito risulta positivo.

Sulla possibilità di non inserire i positivi asintomatici nel computo dei ricoverati il presidente Fontana ha precisato: "La richiesta è stata avanzata per una questione di correttezza e trasparenza".

"Un'informazione - ha sottolineato il governatore - che deve giungere ai nostri cittadini nel modo più corretto possibile. È evidente che esiste una differenza tra chi entra in ospedale per una patologia che dipende dal Covid e chi entra per un'altra patologia, magari perché ha subito un incidente stradale e, sottoposto al tampone pre-ricovero, risulta positivo. Sono due fattispecie che, per questione di correttezza, devono essere distinte"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia resta in zona gialla, Fontana: "Terapie intensive sotto la soglia d'allarme"

BresciaToday è in caricamento