In Lombardia ospedali da campo, in Veneto terapia intensiva vuota al 60%

In Lombardia (e a Brescia) si muore in casa, i pazienti vanno in Germania, in Veneto ci sarebbe ancora posto: cosa non sta funzionando?

Non è più solo un’emergenza, ma una catastrofe: e sono gli stessi medici a raccontarlo nel dettaglio, nel cuore di una battaglia che sembra non finire mai. E le cui conseguenze, purtroppo, sono sotto gli occhi di tutti: più di 4.800 morti in Lombardia in poco più di un mese, più di un migliaio a Brescia in meno di trenta giorni. Nel mondo, è lombardo un morto di Covid ogni cinque.

Si stima che oltre l’85% delle vittime in Lombardia siano morte prima di poter accedere alla terapia intensiva. Ad oggi, 27 marzo, sono quasi 12mila i lombardi in ospedale per Coronavirus: quasi nove su dieci sono in buone condizioni, oltre l’11% invece in terapia intensiva (1.263 in totale, una trentina in più nelle ultime 24 ore). 

In Lombardia meno di 250 posti liberi

Dopo qualche giorno di respiro, l’emergenza è di nuovo a un passo: sono circa 1.500 i posti totali di terapia intensiva in tutta la Lombardia (erano 724 prima dell’epidemia, sono stati raddoppiati in un mese e mezzo). E quasi 1.300 i ricoverati, quindi meno di 250 posti liberi: se la curva non si ferma, si rischia il collasso. Il lavoro è quotidiano, per reperire nuovi posti. 

Una cinquantina di pazienti, intanto, verrà trasferita in Germania. Ma in Lombardia (e a Brescia) si continua a morire tra le mura di casa, come riferiscono le tante testimonianze raccolte in queste settimane, o dagli stessi amministratori che chiedono vengano fatti i tamponi a tappeto per tracciare il “cammino” dei contagi.

La situazione in Veneto

I tamponi a tappeto nel frattempo si stanno facendo in Veneto, a pochi chilometri dal confine lombardo. Qui sono 6.935 i casi positivi dall’inizio dell’epidemia, con 1.773 persone ricoverate in ospedale di cui 1.447 in buone condizioni (l’81,6% del totale) e 326 in terapia intensiva (il 18,3% del totale dei ricoverati e il 4,7% del totale dei positivi). Sono quasi 800 i posti totali in terapia intensiva, a cui se ne aggiungono altri 300 di terapia “semi-intensiva”: dunque ad oggi due terzi sono ancora liberi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma perché i lombardi non possono essere ricoverati in Veneto? “Non sono ancora riuscito a farmi spiegare da nessuno, nonostante chieda da giorni – scrive il deputato Alfredo Bazoli – come sia possibile che mentre riceviamo aiuti da mezzo mondo non siamo in grado di sfruttare i letti di terapia intensiva di ospedali a mezz’ora di macchina da Brescia, come a Verona, dove per fortuna l’epidemia non è esplosa come da noi. A Brescia e Bergamo si muore per la saturazione dei posti, in Veneto sono ancora liberi due terzi dei letti di terapia intensiva. E noi dobbiamo mandare i pazienti in Germania, quando a due passi da qui ci sarebbe ambia disponibilità”. E’ questa l’autonomia di cui avevamo bisogno?
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Va a fare la spesa, viene travolta sulle strisce: donna in fin di vita

Torna su
BresciaToday è in caricamento