Coronavirus Gussago

Covid, Comune bresciano piange due 50enni: morti un idraulico e un operaio

Avevano poco più di 50 anni le due vittime di coronavirus morte in pochi giorni a Gussago. Ma in tutta la provincia si abbassa l'età media

“Il virus continua a generare drammi e non ferma la sua marcia”. Lo ha riferito al Giornale di Brescia il sindaco di Gussago Giovanni Coccoli, nei giorni in cui il paese piange ancora altre due vittime: un idraulico di 54 anni che abitava a Ronco, un operaio di 53 che invece viveva a Navezze. Dall'inizio della pandemia sono 58 le vittime “ufficiali” di coronavirus a Gussago, ovvero quelle registrate: ma potrebbero essercene molte altre sfuggite alla statistica.

Il dato significativo riguarda un importante calo dell'età media dei contagiati: sarebbe questa una delle caratteristiche più evidenti della variante inglese, da qualche settimana ormai predominante a Brescia e in Lombardia. Ma con il calo dell'età media dei contagiati scende anche l'età media dei ricoverati e pure quella dei deceduti.

Non solo anziani: scende l'età dei decessi

Negli ultimi due giorni, riporta ancora il Gdb, sul totale delle 42 vittime accertate Covid ci sono anche una donna di 50 anni, di Leno, e un uomo di 59 anni di Roncadelle. E ancora: una decina di vittime di età compresa tra i 60 e poco più di 70 anni. Ai primi di marzo, purtroppo, una delle vittime più giovani di sempre: un uomo di 40 anni, abitava a Brescia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Comune bresciano piange due 50enni: morti un idraulico e un operaio

BresciaToday è in caricamento