Coronavirus

Coronavirus, un paese senza pace: morto il maresciallo dei carabinieri

Aveva 62 anni Guerrino Grippo, maresciallo dei carabinieri in pensione: ricoverato prima a Chiari e poi a Milano, è morto in ospedale per Coronavirus

Foto d'archivio

Si è spento venerdì sera all’ospedale Sacco di Milano, dov’era ricoverato da qualche giorno, il maresciallo Guerrino Grippo, 62 anni, in servizio alla stazione di Chiari e in pensione ormai dal 2016: è l’ennesima vittima bresciana del Covid-19. Dopo un primo ricovero all’ospedale clarense era stato trasferito a Milano: purtroppo per lui non c’è stato niente da fare.

Classe 1958 e originario della provincia di Salerno, il maresciallo Grippo era stato trasferito nel Bresciano nei primi anni ’80. Ha prestato servizio prima alla caserma di Chiari e poi a Brescia, al Tribunale per i minori, fino all’ultimo trasferimento, di nuovo a Chiari, dove è rimasto fino al giorno della pensione (era comandante del Nucleo radiomobile).

A margine del suo ruolo di servitore dello Stato, Grippo si è fatto riconoscere per il suo impegno nell’Associazione nazionale carabinieri e tra i cacciatori: era il presidente della sezione locale. Lo piangono la moglie Maria e i suoi due giovani figli. Come da prassi, di questi tempi, niente funerali ma solo una rapida benedizione al cimitero, riservata ai parenti più stretti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, un paese senza pace: morto il maresciallo dei carabinieri

BresciaToday è in caricamento