menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Positivo al Covid, imprenditore va a lavorare in mezzo agli operai (e senza mascherina)

E' stato denunciato dalla Polizia Locale il piccolo imprenditore di Ghedi che, nonostante fosse positivo e sottoposto a quarantena, è andato lo stesso a lavorare in officina.

Succede anche questo, nel Paese del profitto prima di tutto, alla faccia della salute (degli altri): un piccolo imprenditore di Ghedi, positivo al coronavirus e per questo sottoposto a quarantena obbligatoria, ha deciso comunque di presentarsi al lavoro, alla sua officina, e di lavorare senza mascherina nonostante con lui ci fossero altri operai, suoi dipendenti. Rischiando di contagiarli tutti.

Il suo gesto non è passato inosservato agli agenti della Polizia Locale coordinati dal comandante Enrico Cavalli, cui spetta anche vigilare sul rispetto della quarantena e, in questo caso, del divieto assoluto di uscire di casa. Gli agenti sono allora intervenuti nella sua officina e gli hanno contestato la violazione delle norme. Per lui è scattata una denuncia penale, e (potenzialmente) rischia fino a un anno e mezzo di carcere.

"A me non interessa il Covid, voglio lavorare"

Di fronte all'evidenza, l'imprenditore avrebbe alzato la voce dicendo che a lui “non interessa niente del Covid”, e ancora che “l'importante è lavorare”. Nel suo piccolo, un fervido rappresentante del “partito del Pil”: lavoro ad ogni costo, poi per salute e vite umane si vedrà. Nel frattempo sono in corso accertamenti per verifiche di eventuali e ulteriori irregolarità registrate all'interno dell'officina: è stato allertato anche l'Ispettorato del lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sport

    Super-G junior: c'è un ragazzo bresciano sul tetto del mondo

  • social

    Le vere origini della Festa della Donna

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento