Coronavirus

Coronavirus, in due Rsa 37 contagi: è allarme rosso in paese

Sarebbero già una quarantina i positivi tra gli ospiti delle case di riposo di Gavardo, la Rsa La Memoria e la Cenacolo Elisa Baldo

La notizia, anche se non era stata ufficialmente confermata, ha iniziato a trapelare ancora sabato sera: l'anomala impennata di positivi nel bollettino degli ultimi giorni poteva essere il risultato di una serie di tamponi eseguiti tra ospiti e operatori delle due case di riposo del paese. E così è stato: ad oggi, a Gavardo, sarebbero già una quarantina i casi “attualmente positivi” tra la Rsa gestita dalla Fondazione La Memoria e la Rsa Cenacolo Elisa Baldo.

Lo scrive il Giornale di Brescia, che riferisce di 17 ospiti positivi alla Rsa La Memoria, con due decessi per Covid nell'ultimo mese e qualche ricoverato in ospedale, e di un'altra ventina di ospiti positivi nella casa di riposo Elisa Baldo. Un trend confermato, appunto, dall'andamento dei casi degli ultimi giorni.

In Valsabbia altri "osservati speciali"

Erano 7 venerdì, 10 sabato, 24 domenica e 20 lunedì: in totale 61 casi in quattro giorni, circa il 15% del totale dei positivi dall'inizio dell'epidemia. Ma Gavardo non è l'unico Comune tra gli osservati speciali della Valsabbia in questi giorni. A Vobarno sono 39 i casi accertati tra venerdì e domenica – 11 venerdì, 5 sabato, 9 domenica e 14 nelle ultime 24 ore – mentre sembra che Roè Volciano abbia finalmente superato il “picco”, attestandosi su poco più di una decina di casi in quattro giorni. Ma pagando un prezzo salatissimo: 9 morti in un mese, in casa di riposo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in due Rsa 37 contagi: è allarme rosso in paese

BresciaToday è in caricamento