I casi aumentano, il Covid torna a fare paura: stretta sulla movida dopo Ferragosto?

Sembra ormai cosa certa: dopo Ferragosto il governo prenderà provvedimenti per chiudere i locali notturni

Il premier Giuseppe Conte e il ministro Francesco Boccia (Foto: ANSA)

I contagi tornano a salire, preoccupano i focali dopo i rientri dalle vacanze, come pure la movida ‘sfrenata’. Mentre a livello locale Comuni e regioni predispongono controlli più severi e restrizioni per evitare pericolosi assembramenti durante la notte di Ferragosto, il governo promette nuove limitazioni.

Nel mirino soprattutto le discoteche: sembra ormai certo che il governo, in accordo con i presidenti di regione, prenderà provvedimenti per chiudere le sale da ballo. Ad anticiparlo, in un’intervista al quotidiano La Stampa, è stato il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia che si è detto "convinto che dopo Ferragosto si arriverà alla chiusura in tutte le regioni". 

"Monitoriamo la situazione ora per ora - ha spiegato Boccia -. Se serve, numeri del contagio alla mano, riconvoco i governatori domani stesso (oggi, ndr) e rendiamo una decisione, anche immediata. Vediamo". Insomma, il provvedimento che chiude le discoteche potrebbe arrivare anche nelle prossime ore, onde evitare nuovi pericolosi assembramenti.

Stretta sulle discoteche

"Con i colleghi Speranza e Patuanelli abbiamo fatto un discorso chiaro alle regioni: le discoteche per noi non andavano proprio riaperte, le linee guida del governo andavano in questa direzione. Come sappiamo le regioni hanno una loro autonomia, che hanno anche rivendicato, e quindi si stanno muovendo in ordine sparso. Noi gli diciamo: siete autonomi, assumetevi le vostre responsabilità", ha aggiunto Boccia.

In effetti l’ultimo dpcm licenziato dall’esecutivo prevedeva che le sale da ballo restassero chiuse, ma alle regioni è stata data la possibilità di derogare come ha di recente ricordato anche la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa. “Sono le regioni che decidono cosa fare in questa materia. E lo fanno secondo i numeri che hanno". Ma con i casi di coronavirus in aumento un po’ in tutta la penisola le cose sono destinate a cambiare.

Non è chiaro invece quali provvedimenti l'esecutivo potrebbe prendere per contenere la "movida selvaggia". Secondo quanto riferito due giorni fa dal "Corsera", allo studio dell’esecutivo ci sarebbe un piano per limitare il pericolo di contagio tra i giovani, probabilmente limitando gli ingressi nei locali e rafforzando ulteriormente i controlli. Ma per ora si tratta solo di indiscrezioni.  

Mascherine obbligatorie anche all'aperto?

Tutto dipenderà come sempre dall’evolversi della situazione epidemiologica. Il problema dei contagi ovviamente non riguarda solo la movida. Per questo, sempre stando alle indiscrezioni raccolte dal 'Corsera', se la situazione dovesse precipitare una delle misure che potrebbero essere adottate è quella dell’obbligo di mascherina anche all’aperto. Si tratta di un provvedimento che del resto è già in vigore in alcuni comuni italiani nonché in molte città europee alle prese con una recrudescenza dell’epidemia. Anche in questo caso tuttavia non si sono state prese di posizione ufficiali da parte dell’esecutivo.

Indice di contagio superiore a 1 in nove regioni

Sta di fatto che i numeri del contagio non lasciano ben sperare. Stando all'ultimo reporto dell'Iss (Istituto Superiore di Sanità) e del Ministero della Salute l'indice Rt è uguale o superiore a 1 in 9 regioni: Abruzzo (1.33)
; Liguria (1.05); Lombardia (1.13); Marche (1.02); Piemonte (1.04); Puglia(1.14); Sicilia (1.41); Toscana (1.28); Veneto (1.20).

Fonte: Today.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento