Fase 2, le quattro semplici regole affinché "vada tutto bene"

Ad elencarle è Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Liguria

Finora nulla è andato bene. Soprattutto in Lombardia dove le parole d’ordine (definite dell’Oms) per gestire e contenere l’epidemia di Coronavirus non sono di fatto state seguite. Testare e tracciare, avrebbero dovuto essere gli imperativi in tempo d’emergenza e soprattutto le linee guida per la Fase 2. Ma ormai è lampante: uno screening serio nella nostra regione non è mai stato fatto e per essere sottoposti a test sierologici e tamponi i cittadini e (le aziende) devono mettere mano al portafoglio.

Con il virus dobbiamo però conviverci ed è quindi necessario proteggersi. In vista dell’imminente riapertura di bar, ristoranti, parrucchieri e negozi d’estetica e l’Inail ha dettato le regole in lunghi e dettagliati documenti. 

Ma nella babele di norme e consigli che hanno accompagnato l'inizio della Fase 2 c'è chi cerca di fare chiarezza. "Le prossime aperture della fase 2 vanno declinate all'insegna della semplicità senza complicare troppo la vita ai cittadini. Affinché vada tutto bene occorre seguire quattro semplici regole: distanziamento sociale a 2 metri, se non possibile mascherina chirurgica, poi sempre l'igiene delle mani e i guanti non servono". A dirlo all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Liguria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cautela e pazienza sono le parole d'ordine, ma a 11 giorni dall'inizio della fase 2 si intravedono spiragli importanti secondo Bassetti: "I dati dei primi 11 giorni di  riapertura del Paese ci dicono che un aumento dei casi non si è visto. La curva dei contagi è in discesa ovunque, salvo qualche rara e  piccola eccezione. Conta il fatto che il numero dei ricoveri è  drasticamente calato: un mese fa erano 4.000 persone in terapia  intensiva, oggi meno di 900. La situazione è buona e in qualche modo è forse l'indicatore più importante".

“Dal punto di vista scientifico - assicura Bassetti - i numeri dei nuovi ricoveri sono incoraggianti, poi siamo anche diventati più bravi nella gestione e siamo attrezzati anche per un eventuale aumento dei casi se dovesse esserci la necessità. Insomma - conclude - siamo più preparati e pronti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Coprifuoco in Lombardia: il 'grande' ritorno dell'autocertificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento