Martedì, 22 Giugno 2021
Coronavirus

Coronavirus: l'ipotesi del "semaforo" per riaprire i negozi nella Fase 2

Si chiama “Safety Pois” ed è stato brevettato da un’azienda italiana allo scopo di garantire il distanziamento sociale. Ecco come funziona

Foto d'archivio

Imprenditori ed aziende si stanno ingegnando sulle modalità con cui ripartire nella cosiddetta "Fase 2" dell'emergenza coronavirus. Dopo l'ipotesi di barriere in plexiglass da impiantare in stabilimenti balneari e ristoranti per favorire il distanziamento sociale, adesso nasce l'idea di un "semaforo comportamentale" da utilizzare nei negozi. Si chiama "Safety Pois" ed è stato brevettato da un’azienda italiana. È una segnaletica visiva a pavimento che indica in modo automatico ed efficace i flussi dinamici che le persone possono seguire per mantenere la distanza di sicurezza da fermi e in movimento. La regola è una sola: ogni pois può essere occupato soltanto da una persona alla volta.

Una soluzione semplice, facilmente implementabile, analogica e quindi comprensibile da tutti. Di fatto si tratta di un sistema di snodi segnalatori realizzato attraverso dei pois di diametro di 50 cm di tre colori, verde, giallo e rosso, da applicare sul pavimento a 1,50 mt l’uno dall’altro. I pois vanno a creare una griglia verticale di distanze di sicurezza che indicano con chiarezza l’azione consentita. Il pavimento si trasforma, così, in una scacchiera colorata nella quale il rosso indica che è necessario fermarsi in attesa del proprio turno, il giallo corrisponde a una sosta breve di attesa (ad esempio davanti a uno scaffale al supermercato o davanti a un’opera d’arte al museo) e il verde dà il via libera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: l'ipotesi del "semaforo" per riaprire i negozi nella Fase 2

BresciaToday è in caricamento