Coronavirus, disinfettanti commerciali e fai da te: è boom di intossicazioni

L'allarme lanciato dal Centro antiveleni dell'Ospedale Niguarda di Milano, tra i più importanti riferimenti italiani per la diagnosi e il trattamento di intossicazioni acute.

Disinfettare spesso mani e superfici: è la regola principale per tenere lontano il Coronavirus. Ma anche qui bisogna fare attenzione e non abusare di disinfettanti, soprattutto di quelli fatti in casa. Da quando in Lombardia è scoppiata l' emergenza Coronavirus sono aumentate persino le intossicazioni. O meglio, le richieste di aiuto per le intossicazioni. Lo dice il Centro antiveleni dell' ospedale Niguarda di Milano.

Boom di chiamate: le richieste di consulenza per intossicazione da disinfettati, utilizzati nella protezione dall'infezione da Coronavirus sono aumentate del 65%, con un picco del 135% nella fascia di età inferiore ai 5 anni.

Attenzione al fai da te

“C'è chi seguendo tutorial online e ricette fai da te, prepara miscele di sostanze chimiche non compatibili tra loro- spiega Franca Davanzo, Direttore del Centro Antiveleni di Niguarda-. Chi imbeve le mascherine con quantità eccessive e poi le indossa, inalando un elevato dosaggio di sostanze chimiche."

Attenzione poi ai bambini. La regola che vale sempre è quella di tenere i detersivi e i liquidi pericolosi lontani dalla loro portata: all'interno di mobili chiusi a chiave o sugli scaffali più alti, ma " C’è anche chi, e sono purtroppo i casi più frequenti, riempie la casa di bottiglie di disinfettati commerciali o preparati artigianalmente, e li lascia, magari in bottigliette non etichettate, alla portata dei bambini. E proprio loro risultano i più esposti, l’incremento delle intossicazioni pediatriche è infatti del 135%. Proprio per loro dobbiamo prestare la massima attenzione, i più piccoli infatti trovano in casa questi contenitori non custoditi e li ingeriscono accidentalmente”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa fare in caso di intossicazione

In questi casi valgono le raccomandazioni di sempre: prima di recarsi in pronto soccorso è bene chiamare il centro antiveleni allo 02 66 10 10 29. In questo modo la gestione telefonica dell’emergenza consente di capire se è necessario o meno un successivo accesso al pronto soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

  • Coprifuoco in Lombardia: il 'grande' ritorno dell'autocertificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento