I contagi da Coronavirus calano ovunque, tranne a Brescia: 75 morti con i dati camuni

La crescita del contagio cala ovunque, tranne che a Brescia: l’epidemia non rallenta anche se per la prima volta si abbassa il numero dei ricoverati in ospedale

Medico impegnato in tamponi a domicilio per casi di Coronavirus (foto Ansa)

I contagi calano ovunque, tranne che a Brescia: i dati resi noti in serata dalla Regione purtroppo confermano il trend che era già emerso nel pomeriggio con il primo bollettino di Ats. Nelle ultime 24 ore si sono registrati quasi 600 nuovi casi, sono quasi 6mila in totale: il doppio in un solo giorno rispetto alle province di Bergamo e Milano. Certo i numeri sono inevitabilmente “gonfiati” dai nuovi casi della Valle Camonica, per cui non si avevano aggiornamenti ormai da sabato 21 marzo. In ogni caso, si tratta di un'altra giornata terribile per la nostra provincia: il numero dei contagi, infatti, è in aumento anche senza i dati camuni. La situazione invece migliora nel totale regionale: ma è ancora presto, troppo presto per dire che sta per finire.

Per l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera quella di lunedì è stata “forse la prima giornata positiva di questo mese duro, durissimo: non è ancora il momento di cantar vittoria e rilassarci, ma iniziamo a vedere una luce in fondo al tunnel”. Per la prima volta in effetti sono diminuiti i ricoverati: quasi 200 in meno rispetto a domenica. 

I dati in Lombardia

Il trend comunque è in crescita, anche se più lenta. Sono 1.555 i nuovi positivi nella giornata di lunedì, per un totale di 28.761 positivi dall’inizio dell’epidemia: non si ferma la triste conta dei morti, con 320 decessi nelle ultime 24 ore, 75 soltanto a Brescia e in Valle Camonica, per un totale di 3.776 da quando tutto è cominciato (il tasso grezzo di letalità, sulla base dei tamponi effettuati, è ancora altissimo: oltre il 13%). Sono 10.449 le persone attualmente ricoverate, di cui 9.266 in buone condizioni (l’88,6% del totale) e 1.183 in terapia intensiva (l’11,3% sul totale dei ricoverati e il 4,1% sul totale dei positivi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati per provincia e in Italia

I dati provincia per provincia: il territorio di Bergamo è ancora quello più colpito in termini assoluti, con 6.471 casi positivi (255 in più nelle ultime 24 ore). Seguono le province di Brescia (5.905 casi, più 588), Milano (5.326 di cui 2.176 in città), Cremona (2.925), Lodi (1.817), Pavia (1.444) Monza e Brianza (1.130). In tutta Italia sono 63.927 i casi positivi dall’inizio dell’epidemia, con 6.077 morti (pari al 9,5% del totale): 28.761 in Lombardia, 8.535 in Emilia Romagna, 5.505 in Veneto, 4.861 in Piemonte, 2.569 nelle Marche, 2.461 in Toscana. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento