menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
San Polo: tamponi drive-in del Civile © Bresciatoday.it

San Polo: tamponi drive-in del Civile © Bresciatoday.it

Covid, positivo in classe? Non è più obbligatorio fare il tampone per rientrare

Lo stabilisce una circolare del ministero della Salute: i contatti stretti e asintomatici dell’alunno positivo potranno rientrare a scuola al termine della quarantena fiduciaria di 14 giorni, senza fare alcun test

Ennesimo cambio di rotta. Una circolare del ministero della Salute ha infatti modificato le indicazioni da seguire in ambito scolastico per i contatti stretti dei casi positivi. E la novità fa sobbalzare sulla sedia: perché fa decadere l’obbligo, per i compagni dell’alunno contagiato, di sottoporsi al tampone prima di rientrare in classe. A patto, ovviamente, che nel frattempo nessuno di loro manifesti sintomi riconducibili al Covid-19.

Niente tampone per rientrare a scuola

“La circolare 32850 del 12 ottobre 2020, come anche la successiva nota regionale del 19 ottobre, non prevede più l’obbligatorietà, per i contatti stretti asintomatici, di effettuare il tampone di controllo alla fine del periodo di quarantena di 14 giorni. Il rientro a scuola più avvenire il giorno successivo alla conclusione della quarantena e non deve essere richiesta, al medico o al pediatra, alcuna certificazione/attestazione”. Così si legge nella nota di Ats Brescia, diramata nei giorni scorsi alle scuole, che hanno poi provveduto a comunicare la variazione alle famiglie.

Per contatti stretti si intende tutti coloro (compagni di classe, ma anche docenti e personale scolastico) che sono stati a contatto con l’alunno positivo nelle 48 ore precedenti l‘insorgenza dei sintomi Covid. E spetta alle persone in isolamento il compito di avvisare il medico di famiglia o il pediatra di essere stati in contatto con un caso di Covid-19.

In poche parole, tutti a casa: nella migliore delle ipotesi con i genitori, altrimenti con i nonni, correndo il rischio di contagiarli.

Come ridurre la quarantena

Ma è stato previsto anche un modo per ridurre il periodo di isolamento, anche se di poco. Passati 10 giorni dall’ultimo contatto con il compagno positivo, lo studente può recarsi autonomamente in uno dei punti tamponi a libero accesso delle Asst (per esempio il centro Covid allestito dal Civile nel piazzale dell’area feste di via Volta a Brescia) ed effettuare il test. Non servono prenotazioni o autorizzazioni: basterà compilare un’autodichiarazione. 

In caso di esito negativo finisce la quarantena, ma non si può comunque tornare in classe. Prima di presentarsi a scuola bisognerà ottenere dal pediatra o dal medico curante l’attestazione di riammissione sicura in comunità. Qualora invece il tampone fosse invece positivo scatta la segnalazione all’Ats e l’isolamento obbligatorio per l'alunno, quello fiduciario per i familiari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento