menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Shock in paese: parroco e sacrestana vittime della furia del Coronavirus

La comunità di Rodengo Saiano piange la scomparsa di don Angelo Marini, 82 anni, e della sacrestana Costanza Boni, 83

La comunità parrocchiale di Rodengo Saiano è in lutto per la scomparsa di due personaggi che hanno fatto la storia (recente e non solo) della chiesa di Cristo Re: non sono sopravvissuti alla furia del Coronavirus sia l’ex parroco Angelo Marini che la sacrestana Costanza Boni, rispettivamente 82 e 83 anni.

Don Angelo, classe 1937, era stato ordinato sacerdote nei primi anni ’60. Nel corso della sua carriera, lunga più di mezzo secolo, ha esercitato il voto in diverse località della provincia, da Verolavecchia a Vobarno, da Gussago a Brescia, fino a trasferirsi, dal 1991, nella parrocchia di Rodengo. Qui è stato parroco fino a pochi anni fa, fino al 2015, sostituito da don Luciano Bianchi.

A poche ore di distanza se n’è andata anche Costanza Boni, 83 anni. Da una vita al servizio della parrocchia, per decenni instancabile sacrestana, era molto conosciuta in paese per il suo spirito di sacrificio e la sua disponibilità. Lei e don Angelo erano molto amici, molto legati alla comunità che frequentava la chiesa: se ne sono andati insieme, dopo aver combattuto insieme lo stesso male.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento