Covid, dalla nuova ondata all'estinzione del virus: sono 3 gli scenari possibili

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, ha ipotizzato tre possibili scenari futuri in merito all'epidemia del nuovo coronavirus

Foto d'archivio

Coronavirus, dalla nuova ondata all'estinzione del virus: gli scenari possibili 

Il mondo intero è stato sconvolto dali Coronavirus. Nell'arco di poche settimane, la pandemia ha infatti stravolto la vita di miliardi di persone tra lockdown, chiusura delle attività e misure restrittive. Come tutti hanno ormai capito, ci vorranno ancora mesi per il ritorno alla normalità, altro che "apriamo tutto". Caso emblematico è la Germania, dove i contagi sono tornati a crescere dopo le prime riaperture e il governo ha subito deciso di introdurre l'uso obbligatorio delle mascherine sui mezzi di trasporto pubblici e sui i treni a lunga percorrenza. Le multe possono arrivare fino a 10mila euro.

Il Governo italiano ha da poco varato il decreto che darà inizio alla cosiddetta fase 2, ma la domanda che tutti si pongono è sempre la stessa: cosa ci aspetta adesso? Una domanda a cui è difficile dare una risposta in questo momento, sia perché il numero di pazienti positivi al Covid 19 è ancora elevato, sia perché conosciamo ancora molto poco di questo coronavirus.

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta e co-fondatore del Patto trasversale per la scienza insieme a Roberto Burioni, ha provato ad ipotizzare in un lungo post su Facebook i possibili scenari futuri: "Se per il momento possiamo dire che il virus è in ritirata e che stiamo andando lentamente, ma fermamente, verso la fine della prima ondata. Sarà fondamentale gestire la 'riapertura' basandosi il più possibile sui dati scientifici ed epidemiologici di monitoraggio di un potenziale ritorno del virus".

Gli scenari futuri possibili sono tre

Premesso che "ovviamente nessuno conosce" ciò che accadrà in futuro, nelle sue 'Pillole di ottimismo' su Facebook, anzi di 'Ottimismo che viene dalla conoscenza', Silvestri ipotizza tre tipi di scenario: "Lo scenario peggiore è quello di un virus che torna verso dicembre-gennaio senza essersi attenuato, trovandoci senza terapie efficaci e pronto ad attaccare ampie fasce di suscettibili (cioè non immuni) soprattutto al Centro-Sud, ma anche al Nord. In questo caso la partita si giocherà a livello di prevenzione dei contagi ed è a questo che dobbiamo prepararci", ammonisce il virologo. "Scenari intermedi sono basati sulla diffusione di un virus a patogenesi attenuata (letalità ridotta) e/o sulla presenza di terapie efficaci. Lo scenario migliore è quello del virus che si estingue e non torna più: uno scenario che io vedo poco probabile", con chance di concretizzarsi inferiori al 10% secondo lo scienziato, "ma che nessuno può escludere con certezza".

Sulla base degli ultimi dati sulla diffusione dell'epidemia in Italia, Silvestri vuole "enfatizzare il quattordicesimo giorno consecutivo di calo del numero totale dei pazienti in terapia intensiva. Siamo ora scesi a 2.009, quindi ormai meno della metà del picco, che è stato il 4 aprile scorso a quota 4.068. Da notare anche che, al momento del picco, i ricoveri in terapia intensiva rappresentavano il 14,2% del totale dei ricoveri ospedalieri, mentre oggi sono solo il 9,4%".

Per il virologo "questo dato suggerisce una potenziale riduzione di gravità di Covid-19. Da notare infine che il numero dei morti di ieri (260) è il più basso da 40 giorni a questa parte, e che la temuta 'ondata del Sud' continua a non dare segni di sé (e io credo/spero francamente che non arriverà proprio)". "Ci sono tre fattori principali che hanno contribuito - in misura che ancora non possiamo quantificare con esattezza - a questa ritirata del virus in Italia (e in molti altri Paesi)", analizza lo scienziato.


"Sono il cosiddetto lockdown (o isolamento sociale), lo stabilirsi di immunità naturale in una parte importante della popolazione e la stagionalità, che sappiamo valere per gli altri virus respiratori, tutti amanti della stagione invernale. Ricordo che, dei tre fattori, solo l'immunità naturale ci può proteggere contro il ritorno del virus in inverno. Però la durata di questa immunità non è ancora nota e dovrà essere monitorata nel tempo".

Fondamentale, per gestire la fase 2 al via in Italia dal 4 maggio, sarà quindi tenere sempre sotto controllo la curva dei contagi. Se lo cose non dovessero andare come sperato, è giusto sapere fin da ora che nuovi lockdown - magari mirati a singole aree - non sono certo da escludere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Today.ittrebbe interessarti: https://www.today.it/attualita/coronavirus-scenari-possibili.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento